ilMitte.com/ “Donne da Urlo”, la prima puntata del podcast: Marisa Fenoglio e la cultura italiana all’estero

BERLINO\ aise\ - “È finalmente online la prima puntata del podcast “Donne da Urlo – Grandi storie di italiane all’estero”, realizzato dal Comites di Dortmund in collaborazione con l’Associazione di Promozione Sociale “Donne all’Ultimo Grido” e con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. La puntata è dedicata a Marisa Fenoglio e alla cultura italiana all’estero. Il podcast è la prosecuzione del progetto editoriale “Un Urlo ci salverà – 10 storie di italiane in Germania”, che ha registrato un grandissimo successo”. È quanto si legge su “ilMitte.com”, quotidiano online diretto a Berlino da Lucia Conti.
L’esordio di questo podcast è dedicato quindi a donne italiane che si occupano di cultura e lo fanno in un Paese diverso da quello di origine, nello specifico la Germania, ma senza rinunciare alla loro “italianità”. Nella vita e nel lavoro di queste pioniere all’estero la cultura italiana diventa, invece, un ponte che unisce la terra di origine e quella di approdo.
Potete ascoltare la puntata sul sito del Comites di Dortmund, ma anche su Spotify, Apple podcast, Spreaker, Google Podcast e su tutte le maggiori piattaforme di contenuti audio. Il podcast è stato prodotto dal team di Roger, podcast factory di Milano e media brand di Skills Management Group. I testi delle storie sono scritti da Francesco Fiaschini, dramaturgo e regista teatrale.
Nella prima parte del podcast l’attrice Elettra De Salvo racconta in modo suggestivo e intenso la storia della scrittrice Marisa Fenoglio, in qualche modo “donna simbolo” del tema affrontato. Marisa Fenoglio, autrice del libro “Vivere altrove”, si trasferì infatti in Germania, a Niederhausen, per ragioni legate al lavoro del marito.
La sua esperienza all’estero fu caratterizzata, soprattutto all’inizio, da una forte malinconia da sradicamento, fino a quando Marisa non si rese conto di quanto potentemente potessero convivere i suoi due mondi, nutriti da cieli diversi ed emozioni diverse.
Nessun emigrato conosce alla partenza la portata del suo passo. Il suo sarà un cammino solitario, incontrerà difficoltà che nessuno gli ha predetto e a ogni ritorno constaterà quanto poco sappiano coloro che restano di ciò che capita a coloro che sono partiti
Nella seconda parte del podcast, la direttrice e co-editrice del Mitte, Lucia Conti, conduce un talk animato da tre protagoniste, tutte collegate al tema dominante di questa prima puntate. Intervengono infatti Maddalena Fingerle, scrittrice, Etta Scollo, cantante, e Laura Melara Dürbeck, responsabile per Francoforte dell’Accademia italiana di cucina.
Maddalena Fingerle è nata a Bolzano nel 1993 e vive a Monaco, dove ha studiato italianistica e germanistica. Il suo romanzo, “Lingua madre“, ha vinto il Premio Italo Calvino, il Premio Comisso under 35, il Premio Flaiano under 35, il Premio Città di Girifalco e il Premio Fondazione Megamark.
Etta Scollo è una cantante che viva tra Berlino e Catania e che ha fatto della contaminazione culturale la sua cifra stilistica. La sua carriera è fatta di successi internazionali, scelte avventurose e collaborazioni importanti.
Laura Melara Dürbeck è la responsabile per Francoforte dell’Accademia italiana di cucina, riconosciuta nel 2003 come istituzione culturale dal presidente della repubblica italiana. Vive il cibo come espressione di cultura e reinterpreta la cultura attraverso il cibo.
Monaco, Berlino, Francoforte, Maddalena, Etta, Laura e sullo sfondo la nostra Italia: storie di “donne da urlo”, come quelle che amiamo raccontare.
Le prossime quattro puntate del podcast “Donne da urlo – Grandi storie di italiane all’estero” saranno disponibili ogni lunedì, e quindi la seconda sarà online lunedì 1° novembre. Quale sarà il tema e quali le protagoniste di questo secondo appuntamento? Lo scoprirete presto. Sempre sul sito del Comites di Dortmund e sulle principali piattaforme di contenuti audio”. (aise)