OLTRE 1000 CASI DI CORONAVIRUS CONFERMATI NEL NSW INCLUSI DUE BAMBINI – DI MAANI TRUU E FRANCESCA VALDINOCI

OLTRE 1000 CASI DI CORONAVIRUS CONFERMATI NEL NSW INCLUSI DUE BAMBINI – di Maani Truu e Francesca Valdinoci

SYDNEY\ aise\ - “Sono oltre 1000 i casi di contagio da COVID-19 in New South Wales, tra cui due bambini. Si tratta di un neonato di due mesi e di una bambina di sette anni, entrambi risultati positivi al test dopo essere entrati in contatto con persone contagiate, come ha confermato il Dott. Kerry Chant, Chief Health Officer del NSW”. È quanto riferisce un articolo pubblicato oggi da SBS Italian, lo Special Broadcasting System che diffonde notizie in lingua italiana in tutta l'Australia. A firmare l'articolo Maani Truu e Francesca Valdinoci.
“Sul totale dei casi nello stato, che risulta il più colpito dallo scoppio della pandemia in Australia, circa 500 sono quelli di persone che hanno contratto la malattia all'estero.
La premier Gladys Berejiklian ha dichiarato che è necessario “intensificare” le misure preventive per rallentare la diffusione del virus. Le vittime in Australia sono al momento otto, tra cui sette solo nel NSW.
Berejiklian ha anche espresso il suo appoggio alle nuove restrizioni annunciate dal governo federale e che saranno implementate a partire dalla mezzanotte di mercoledì 25 marzo.
“Nessuna di queste decisioni è stata presa con leggerezza”, ha dichiarato la premier durante una conferenza stampa a Sydney.
“Questo è un momento in cui tutti noi dobbiamo fare il possibile. Dobbiamo assicurarci di fare la cosa giusta per tutelare gli individui, le famiglie e la comunità”.
Martedì 24 marzo, una donna di 70 anni ha perso la vita; è stata l'ultima vittima del COVID-19 in NSW. La donna era sulla nave da crociera Ruby Princess, attraccata giovedì 19 marzo al Circular Quay di Sydney.
“Sono stati diagnosticati 107 casi nel NSW a seguito dell’attracco dalla Ruby Princess e 26 casi in altri stati”, ha confermato un portavoce del NSW Health.
La vittima era una dei tre passeggeri ai quali era stato fatto il test sulla nave, ma il cui risultato positivo era arrivato dopo l’attracco.
La premier ha dichiarato che lo Stato rischia di diventare il centro di un focolaio ben più grave e che bisogna evitare gli stessi errori commessi da altri Paesi.
Nella serata di martedì 24 marzo, il parlamento del NSW ha approvato una nuova legge per contrastare la diffusione del coronavirus.
Secondo il disegno di legge, la polizia di stato sarà in grado di arrestare le persone che violino le misure di ordine pubblico e ricondurli a casa o in un centro di detenzione.
Il commissario per i servizi correttivi ha poi la facoltà di concedere la condizionale ad alcuni trasgressori.
Pub, cinema, palestre e chiese sono chiusi in tutta la nazione nel tentativo di rallentare la diffusione del coronavirus.
Il trasporto pubblico nel NSW continuerà a funzionare nonostante un forte calo del numero di passeggeri.
Tutti gli australiani sono invitati a mantenere una distanza di 1,5 metri gli uni dagli altri. In spazi chiusi, la densità non deve superare una persona per quattro metri quadrati.
Se pensi di aver contratto il virus, chiama il medico o contattare la hotline dedicata per ricevere le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080”. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi