“OPERA GALA”: A CARACAS LO SPETTACOLO IN ONORE AI MIGRANTI ITALIANI IN VENEZUELA - DI LETIZIA BUTTARELLO

“OPERA GALA”: A CARACAS LO SPETTACOLO IN ONORE AI MIGRANTI ITALIANI IN VENEZUELA - di Letizia Buttarello

CARACAS\ aise\ - “Quattro meravigliose voci hanno dato vita all’Opera Gala Caracas, evento che in quattro atti ha reso omaggio ai migranti italiani venuti in America, presentando un repertorio fatto di arie d’opera lirica, dal belcanto e dal romanticismo italiano del XIX e XX secolo”. Così scrive Letizia Buttarello in questo articolo pubblicato su “La Voce d’Italia”, quotidiano online diretto a Caracas da Mauro Bafile.
“Lo spettacolo prodotto da Imagen Producciones, ha potuto contare sull’Orchestra Sinfonica Simón Bolívar, diretta dal Maestro Andrés David Ascanio Abreu, coadiuvata dal Coro nazionale Simón Bolívar.
Interpretando opere di Giuseppe Verdi, Gioachino Rossini, Pietro Mascagni, Vincenzo Puccini y Gaetano Donizzeti, hanno emozionato il pubblico, che ha potuto sfruttare l’armonia delle voci del soprano Marian Ortiz, il mezzosoprano Marilyn Viloria, il baritono Gaspar Colón e il tenore Aquiles Machado.
Il tocco d’umorismo lo ha dato Djamil Jassir nel ruolo di Giuseppe, e la prima attrice Tania Sanabria nei panni della Signorina Tania.
L’Opera Gala Caracas ha dedicato inoltre uno dei suoi atti speciali a Caritas Venezuela, istituzione che coordina le chiese venezuelane al quale è stata consegnata una donazione con l’intento di contribuire allo sviluppo del lavoro che porta benefici ai bambini e ai bisognosi in Venezuela. Specialmente in questo momento difficile per il Paese nel quale si sta vivendo una crisi umanitaria.
L’evento ha potuto contare su un gruppo di patrocinanti e sull’appoggio dell’Ambasciata d’Italia in Venezuela e dell’Istituto Italiano di Cultura di Caracas. A tal proposito l’Ambasciatore italiano, Placido Vigo, il Console Generale, Enrico Mora, e un gruppo di diplomatici, hanno presenziato durante il gala, lodando il bel spettacolo, la magistrale musica interpretata dall’Orchestra Simón Bolívar che ha accompagnato i cantati e il coro.
Carlos Scoffio, responsabile della sceneggiatura e della direzione artistica, assieme alla meravigliosa squadra hanno fatto il possibile per la messa in scena dello spettacolo al Teatro Chacao, e ha annunciato che a ottobre dell’anno prossimo è prevista la riproduzione dell’Opera Gala durante tutto il mese.
Ha detto, inoltre, che questo spettacolo racconta come sia stato l’arrivo di suo nonno nel Paese, storia tipica che si ripete per molti migranti che come la sua famiglia arrivarono in terra venezuelana colmi di speranza e sogni, e misero su famiglie, crearono imprese trascorrendo la propria vita in America.
Le arie scelte si sono unite alla narrazione, descrivendo con musica e canti lirici il processo di partenza dal porto italiano con alle spalle il Vesuvio.
Tra le pièce interpretate meritano particolare menzione Va pensiero, il Barbiere di Siviglia, O mio bambino caro, cavalleria rusticana, La donna è mobile, Nessun dorma, la Traviata ecc…”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi