Punto d’incontro/ Nuova cabinovia italiana ai nastri di partenza in Messico

CITTÀ DEL MESSICO\ aise\ - “È in programma per il mese di agosto l’inaugurazione ufficiale della cabinovia “Cablebus 2” a firma di Leitner, azienda italiana che produce impianti a fune fondata nel 1888 da Gabriel Leitner. Nel distretto di Iztapalapa, a sud-est della capitale latinoamericana, un impianto di circa 11 km di lunghezza renderà più agevole e sicuro il collegamento con le stazioni della metropolitana”. Ne dà notizia “Punto d’incontro”, portale online che Massimo Barzizza dirige a Città del Messico.
“Leitner è parte del gruppo imprenditoriale High Technology Industries (HTI), con sede in Italia, che comprende anche i marchi Poma (Sistemi per il trasporto a fune), Prinoth (battipista e veicoli cingolati multiuso), Demaclenko (impianti per l'innevamento tecnico), Leitwind (impianti eolici) e Agudio (Sistemi per il trasporto materiale). Nel 2019 il gruppo, con le 70 filiali e i suoi 131 punti vendita e assistenza ha realizzato un fatturato di 1,05 miliardi di euro. In tutto il mondo i collaboratori sono più di 3.800.
Dal 2016 l’area metropolitana di Città del Messico si affida alle funivie come mezzo di trasporto pubblico. Entro la fine del 2021 la regione conterà in totale sette impianti Leitner, che daranno vita ad un sistema funiviario lungo 24 km.
Composto da più di 300 cabine da 10 posti, il nuovo sistema funiviario “Cablebús 2” di Leitner si estenderà per 10,6 km su sette stazioni, trasportando ogni giorno 50.000 persone. Le due stazioni terminali si collegheranno da un lato alla linea 8 della metropolitana presso la stazione di Constitución de 1917, dall’altro alla linea A della metropolitana presso la stazione di Santa Marta. I passeggeri potranno così raggiungere rapidamente la metropolitana, riducendo sensibilmente i tempi di viaggio.
Claudia Sheinbaum, sindaca di Città del Messico, nell’annunciare l’apertura delle linee funiviarie Cablebús 1 e 2 aveva sottolineato come le funivie rappresentino non solo la soluzione migliore per la mobilità, ma anche un modo per ridurre le diseguaglianze sociali, offrendo soluzioni di trasporto di qualità notevolmente superiore.
NEL 2016 LA PRIMA FUNIVIA URBANA DEL MESSICO. DA ALLORA 25 MILIONI DI PASSEGGERI
La zona metropolitana di Città del Messico aveva avviato il suo “esperimento funiviario” nel 2016 con la costruzione della linea Mexicable o Línea Roja, lunga 5 km, nel comune di Ecatepec de Morelos. L’impianto a nord-est di Città del Messico, costituito da due cabinovie, è servito da punto di partenza per un programma di ampliamento globale, portato avanti senza sosta fino a oggi. Da quando questo primo impianto è entrato in funzione vengono trasportati ogni giorno 17.000 passeggeri, per un totale di 25 milioni di viaggi effettuati fino a oggi. Un servizio attivo per oltre 18 ore al giorno. Invece di attendere in coda per 50 minuti, i passeggeri raggiungono in meno di 19 minuti i punti di snodo del trasporto pubblico a Città del Messico. A beneficiarne sono anche gli studenti della regione de La Cañada, che prima del 2016 dovevano compiere diversi chilometri a piedi per recarsi a scuola.
A ECATEPEC IN ARRIVO LA SECONDA LINEA
A Ecatepec de Morelos sono attualmente in costruzione altri impianti funiviari: Leitner sta realizzando la “Mexicable 2 – Linea Verde”, un secondo impianto costituito da tre funivie collegate. Una volta completato, trasporterà ogni giorno a Città del Messico più di 40.000 utenti dai comuni di Ecatepec de Morelos e Tlalnepantla de Baz, contribuendo alla salvaguardia delle aree paesaggistiche di Zacatenco nel distretto di Gustavo A. Madero. La Linea Verde, che si estende per 8,5 km articolandosi lungo sette stazioni, rappresenta un collegamento importante tra la regione e la stazione della metropolitana Indios Verdes”. (aise)