SbS Italian/ Ginevra: la ballerina sospesa tra Sydney e la Sicilia – di Dario Castaldo

MELBOURNE\ aise\ - Ginevra Cicatello è nata a Lentini, in provincia di Siracusa, 29 anni fa. Nel 2021 - in piena pandemia - ha ottenuto la cittadinanza australiana al termine di un percorso iniziato nel 2014. "Mi sono trasferita down under quando ero molto giovane, dopo aver mosso i primi passi nel mondo della danza in Italia e dopo aver lavorato in Grecia come coreografa", racconta a SBS Italian”. Ne scrive Dario Castaldo che l’ha intervista per Sbs Italian, lo special broadcasting in onda in italiano in tutta l’Australia.
“"Il primo anno in Australia è stato veramente duro, anche a causa della barriera linguistica", racconta Ginevra.
Per sostentarsi e per migliorare l'inglese, la giovane siciliana ha alternato studio e lavoro. Dopodiché, per garantirsi la possibilità di estendere il visto e di rimanere in Australia, ha deciso di superare le forche caudine degli 88 giorni di lavoro nei campi.
"Dopo tutti questi anni ho capito che l'Australia offre tanto e che c'è sempre l'opportunità di reinventarsi e di vivere bene", racconta Ginevra.
"Io ad esempio mi sono ritrovata a gestire un team in un negozio, a fare la manager, nonostante fossi giovane e inesperta. Sono cose che in Australia succedono, se sei scaltra e intelligente, ma che in Italia non accadono mai".
Nonostante i tanti aspetti positivi, la balleria siciliana continua a vivere un rapporto di amore-odio con l'Australia.
"Qui mi mancano tante cose, e onestamente solo l'anno scorso, poco prima di diventare cittadina, ho deciso che sarei voluta restare a Sydney".
Un piede qua e uno là
"Quando avevo fatto il salto dall'Italia a Sydney volevo danzare, ma non avevo preso in considerazione il fatto che questo è un Paese giovane e che non offre molto dal punto di vista delle audizioni".
"Con la mia professione ci sono molte opportunità di insegnamento - e infatti insegno tanto - ma sono molto più rare le possibilità di fare la ballerina professionista", spiega Ginevra Cicatello.
"Anche per questo ho preso un diploma in danza contemporanea e mi sono costruita la possibilità di insegnare".
Ginevra sta ancora cercando un equilibrio tra l'ansia per il perfezionismo figlia dell'ambiente nel quale è cresciuta in Italia e la leggerezza e la mentalità laid-back australiana.
Anche per questo ha fatto domanda per la Royal Academy of Dance, dove è stata accettata e grazie alla quale sta prendendo una certificazione con la quale potrà insegnare danza in tutto il mondo.
"Ho valori molto italiani, mi sento molto italiana e il made in Italy trapela in molte delle cose che faccio".
"Vivo l'Australia come la mia seconda casa, ma il mio sogno, anzi il mio obiettivo, è quello di riuscire a vivere un giorno con un piede qui e uno in Italia", conclude Ginevra”. (aise)