TONY LOFFREDA NOMINATO SENATORE – DI VITTORIO GIORDANO

TONY LOFFREDA NOMINATO SENATORE – di Vittorio Giordano

OTTAWA\ aise\ – "Lo avevamo chiesto ad alta voce e dal 23 luglio è realtà: il Primo Ministro, Justin Trudeau, ha annunciato che la Governatrice Generale Julie Payette ha nominato l’italo-canadese Tony Loffreda Senatore del Canada. Prenderà il posto di Ghislain Maltais, che si è fatto da parte ad aprile". Si apre così un articolo a tutta pagina pubblicato nell’ultimo numero del Cittadino Canadese, a firma di Vittorio Giordano.
"L’ultimo tra gli "italiani" ad occupare questo prestigioso incarico è stato Consiglio Di Nino, imprenditore di Toronto, che si è dimesso nel 2012 per raggiunti limiti di età (75 anni). Per lo stesso motivo, nel 2006 ha lasciato il seggio senatoriale l’italo-quebecchese Marisa Ferretti Barth, fondatrice e presidente del CRAIC. Dopo 7 anni, dunque, un italo-canadese torna ad occupare un seggio nella Camera Alta, con il Parlamento Canadese che adesso può contare su tutti e 105 senatori, senza seggi vacanti.
"Sono felice di accogliere Tony Loffreda come nuovo senatore indipendente in Parlamento - ha dichiarato il Primo Ministro in una nota uffciale -. Il suo scrupoloso servizio per la sua Comunità e la sua Provincia, insieme con la lunga esperienza in vari consigli d'amministrazione e commissioni, lo rendono un'ottima scelta per rappresentare i cittadini del Quebec. Non vedo l'ora di iniziare a lavorare con lui e non ho dubbi che Loffreda offrirà un grande servizio per tutti i canadesi".
Con questa mossa è evidente il tentativo di Trudeau di riavvicinarsi alla comunità italiana, dopo i rapporti non proprio idilliaci degli ultimi tempi. A giugno il Primo Ministro ha promesso che nei prossimi mesi, qualora fosse rieletto, presenterà le scuse ufficiali per l’internamento arbitrario degli italocanadesi durante la Seconda Guerra Mondiale. Ora la nomina di Tony Loffreda, vice Chairman RBC, nonché presidente della Fondazione Comunitaria Italo-Canadese (FCCI): un professionista esemplare, un filantropo conosciuto e stimato nella comunità italo-canadese, rispettato e apprezzato nel mondo degli affari a livello nazionale e internazionale.
Ultimo di tre figli, Tony Loffreda è nato a Montréal, nel quartiere di Ahuntsic, nell’agosto del 1962, da genitori campani (mamma di San Gregorio Matese e papà di Dragoni, in provincia di Caserta). Sposato con Angelina da 34 anni, oggi Tony vive a Westmount e ha due fgli: Davide (26 anni) e Sophia (29). Contabile di formazione, Loffreda ha conseguito la laurea presso la Concordia University nel 1985, per poi ricevere il certificato di CPA (Certificato di pubblico contabile) all’Università dell’Illinois, negli Usa. Nel 1991, dopo sei anni nel settore contabile, di cui quattro alla Raymond Chabot Grant Thornton come revisore, il salto nel settore bancario: fino al 2005 alla National Bank of Canada, quindi la svolta, il 13 giugno dello stesso anno, con il passaggio alla RBC Royal Bank. Qui la scalata fino alla nomina di vice chairman.
Ma Tony Loffreda è soprattutto un campione di solidarietà e di impegno civile: fa parte di numerosi consigli d'amministrazione e commissioni, tra cui il board dei Governatori dell’Università Concordia, il cda del CIUSSS de l’Ouest-de-l’île e la Montréal International. In passato è stato anche componente della commissione esecutiva della Camera di Commercio di Metropolitan Montréal e del cda della Camera di commercio italiana in Canada. Presiede eventi di raccolta fondi in tutta la provincia, per cause come la scuola Giant Steps, il Jewish General Hospital ed il Montreal Cancer Institute. Un’opera encomiabile per il sociale, che il Paese gli ha riconosciuto, premiandolo con la Medaglia d'oro del Luogotenente Governatore nel 2018, la Medaglia del 150° anniversario del Senato del Canada nel 2017, il Caring Canadian Award del Governatore Generale nel 2014 e la Medaglia del Giubileo di Diamante della Regina Elisabetta II nel 2012.
Loffreda è tifosissimo del Milan, dell’Impact e della Nazionale Italiana ed è stato uno dei principali promotori dei Mondiali di calcio 2026 che, come sappiamo, si disputeranno in Canada, Stati Uniti e Messico. I valori dell’integrità, del sacrificio sul lavoro, della dedizione e della trasparenza sono la sua filosofa di vita. Una vita votata alla famiglia, alla carriera, alla solidarietà ed all’italianità. Quell’italianità che ha saputo interpretare alla perfezione nella nuova terra che gli ha regalato il successo e che adesso lo premia con una nomina prestigiosa che inorgoglisce tutti noi italo-canadesi". (aise)


Newsletter
Archivi