TORNA “IL MITTE FRANCOFORTE”: FLAVIANO MAGGI GUIDA UN NUOVO TEAM - DI LUCIA CONTI

Torna “Il Mitte Francoforte”: Flaviano Maggi guida un nuovo team - di Lucia Conti

BERLINO\ aise\ - “Il Mitte Francoforte, “back in action”! Dopo una lunga pausa di riorganizzazione, Il Mitte Francoforte torna in piena attività e lo fa con nuove risorse e tanta voglia di essere utile alla comunità italiana sul territorio”. Come scrive Lucia Conti in un articolo pubblicato sul portale del giornale in lingua italiana con sede centrale a Berlino, “A guidare il progetto, fondamentale per Il Mitte come è fondamentale Francoforte per la sua importanza culturale, logistica e finanziaria, sarà Flaviano Maggi.
Flaviano Maggi ha molte corde al suo arco. Organizzatore di eventi culturali e istituzionali, produttore di video content e sales manager, Maggi è anche il fondatore di Francoforte news, portale di informazioni sulla città, oltre ad essere stato già collaboratore del Mitte.
Oggi torna però non come semplice collaboratore, ma come figura fondamentale di una nuova fase. Lo abbiamo intervistato per capire cosa bolle in pentola.
D. Flaviano, vivi da tempo a Francoforte e la conosci molto bene. Che caratteristiche ha questa città?
R. Sono a Francoforte da 7 anni e devo dire che anche se all’inizio non è stato facile, la città offre ottime possibilità lavorative, con un ottimo livello di organizzazione dei mezzi pubblici e una cospicua offerta culturale. Inoltre, ha un hinterland che la mantiene collegata con altre città come Offenbach, Mainz, Wiesbaden e Darmstadt. Prima della pandemia, tutto era in totale crescita in questa città multietnica e iper-produttiva, che offre la possibilità di lavorare anche 24/7, se si vuole, e in cui esiste la concreta possibilità di evolversi, se si vuole, e se si mantiene un atteggiamento umile e la volontà di imparare, sempre.
D. Che importanza ha avuto o ha, Francoforte, per te?
R. Francoforte è arrivata al momento giusto. Ho un legame viscerale con Roma e lasciare la mia città mi sembrava impossibile. Ora mi vedo come un europeo che cerca nuove motivazioni in un Paese che offre tanto e che rende la quotidianità più semplice e pratica. Penso che Francoforte sia una città e un territorio dove si può vivere in famiglia o in coppia in serenità, anche per avere quei servizi che portano un normale cittadino a godere anche del suo prezioso tempo libero. Con poche ore, inoltre, puoi raggiungere ogni parte d’Europa e del mondo grazie all’aeroporto internazionale. Parigi è a sole 3 ore e 45 di treno, così come Amsterdam. Lavoro, welfare e tempo libero sono le tre basi per rendere la normalità piacevole. Il clima è l’unica cosa che soffro drammaticamente. Soffro l’inverno e svernare a Roma è la cosa che preferisco.
D. Quanto è grande la comunità italiana sul territorio? Quali sono i problemi che incontra più spesso e quali sono i suoi punti di forza?
R. La comunità italiana è molto ramificata nel territorio e ha una posizione importante e di valore in tanti campi della società tedesca. La BCE naturalmente ha un ruolo fondamentale, ma anche architetti e ingegneri rappresentano una buona parte della nuova comunità dei nuovi espatriati, per non parlare del personale sanitario e, naturalmente, delle numerose persone impegnate nel settore gastronomiche e come operai specializzati. Le difficolta sono legate principalmente alla lingua e ai soliti stereotipi che ci affliggono, ma spetta a noi sdoganare questi pregiudizi. Gli italiani all’estero esprimono una qualità enorme che ci appartiene, e che ci permette di improvvisare, essere flessibili e trovare sempre qualcosa in cui investire. Questo è un talento immenso, che difficilmente si può trovare altrove, anche in Germania.
D. Cosa si dovrà aspettare chi leggerà “Il Mitte Francoforte”?
R. Il giornale che anche negli anni passati ha offerto informazioni e eventi di qualità non si pone limiti. Cercheremo di dare informazioni di livello, supportati anche da “Il Mitte Berlino”, e di creare un filo diretto con i nostri lettori, magari con video e informazioni rapide e quotidiane.
D. Un messaggio finale ai lettori
R. Ai nostri lettori chiediamo collaborazione e idee siamo sempre aperti ad avere un legame diretto con i nostri lettori. La nostra email e i nostri contatti sono sempre a disposizione di tutti. E se volete collaborare con noi, ovviamente, contattateci! Saremo felici di ricevere proposte e di costruire qualcosa, tutti insieme!”. (aise)


Newsletter
Archivi