CORONAVIRUS: CONTINUA IL PONTE AEREO SANITARIO DA PECHINO

CORONAVIRUS: CONTINUA IL PONTE AEREO SANITARIO DA PECHINO

PECHINO\ aise\ - Sono ore di intensa attività per il ponte aereo sanitario coordinato dall’Ambasciata d’Italia e dai Consolati italiani in Cina, in raccordo con la Farnesina e il Dipartimento della Protezione Civile, per trasportare materiale medico destinato a fronteggiare l’emergenza COVID-19 nel nostro Paese. Grazie a questa operazione 7 milioni di mascherine saranno consegnate in Italia nelle prossime ore.
Ne dà notizia l’ambasciata italiana a Pechino, spiegando che questa mattina è decollato dall’aeroporto internazionale della capitale - diretto a Milano – un terzo aereo cargo speciale, operato dalla compagnia NEOS con il sostegno del China-Italy Philantropy Forum e delle fondazioni in esso riunite, con a bordo 350 ventilatori polmonari, 1 milione e mezzo di mascherine, 2.850 tute speciali, guanti e occhiali protettivi, in parte acquistati dalla Protezione Civile cinese e in parte resi disponibili con il contributo delle donazioni di SNAM, Ferrari e Zegna.
Nel pomeriggio sono in partenza altri due voli da Shenzhen, nel sud della Cina, il primo operato dalla stessa NEOS e il secondo dall’Aeronautica Militare Italiana. Rispettivamente destinati a Milano e a Roma (Pratica di Mare), i due cargo porteranno in Italia più di 4 milioni di mascherine.
L’attività odierna, conclude l’Ambasciata, si concluderà in nottata con un quarto volo propiziato da ENI in partenza da Canton e diretto a Milano, sul quale saranno imbarcate un altro milione e mezzo di mascherine protettive.
Il ponte aereo proseguirà nei prossimi giorni con nuovi voli da Pechino e altre città della Cina. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi