Teheran: in Ambasciata di discute di architettura e sostenibilità

TEHERAN\ aise\ - Alcuni tra i principali esponenti dell’architettura contemporanea iraniana e italiana, tra cui Mario Cucinella, si sono riuniti virtualmente il 25 gennaio scorso per parlare di architettura, opportunità di collaborazione nell’ambito del restauro e della valorizzazione di edifici storici e per discutere di sostenibilità in ambito architettonico.
La tavola rotonda, organizzata dall’Ambasciata d’Italia a Teheran in collaborazione con la rivista di architettura e design Domus, ha costituito un’opportunità per passare in rassegna il patrimonio architettonico iraniano, illustrato da rappresentanti del Ministero dei Beni Culturali della Repubblica Islamica dell’Iran, delle città di Teheran, Shiraz, Persepoli e Isfahan, nonché il know-how e l’expertise italiano nella ristrutturazione del patrimonio architettonico di particolare pregio, attraverso la presentazione di Assorestauro, e le modalità attraverso cui valorizzare detto patrimonio e renderlo fruibile al pubblico, attraverso la condivisione dell’esperienza di Alleanza delle Cooperative.
Nella sessione dedicata alla sostenibilità, gli architetti italiani e iraniani si sono confrontati sulle nuove tendenze dell’architettura contemporanea, votata all’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse, alla minimizzazione dell’impatto climatico, all’utilizzo di materiali locali, al coinvolgimento, ove possibile, delle comunità locali e hanno avuto l’opportunità di condividere esperienze particolarmente significative, nel solco della tradizione della collaborazione pluri-decennale tra Italia ed Iran nell’ambito dell’architettura e del design.
La tavola rotonda sull’architettura si innesta nell’ambito di una serie di eventi organizzati di recente dall’Ambasciata d’Italia a Teheran, che hanno avuto l’architettura e il design quali protagonisti, tra cui la video-serie di documentari “Domus Eyes on Iran”, la pubblicazione di uno speciale numero monografico dedicato all’Iran da Domus nel novembre 2021 e la nuova mostra internazionale “Domus Design - Teheran 2022”, la cui anteprima è stata presentata il giorno precedente nella residenza dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, alla presenza del direttore editoriale di Domus, Walter Mariotti, a 47 anni di distanza dalla mostra “Domus Design” organizzata dalla rivista milanese a Teheran nel 1975. (aise)