Tirana: informazioni per i tifosi della Roma in arrivo per la Finale di Conference League

TIRANA\ aise\ - Un vero e proprio Kit di informazioni utili in caso di emergenza, compresi due numeri di telefono attivi h24 per il 24, 25 e 26 maggio. È quanto l’Ambasciata d’Italia a Tirana ha messo a disposizione dei tifosi della Roma in arrivo in Albania per assistere alla finale di Conference League in programma il prossimo 25 maggio.
Documenti di viaggio
Per l'ingresso in Albania ci sarà bisogno di passaporto italiano o carta d’identità valida per l’espatrio con scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall’Albania (per le carte d’identità cartacee non sono accettate proroghe su fogli aggiunti). I documenti di viaggio non devono essere deteriorati. Non sono accettati altri documenti quali tessere di riconoscimento rilasciate da Amministrazioni pubbliche e patenti di guida. L’Ambasciata ha voluto poi raccomandare di viaggiare con un secondo documento d'identità da lasciare in albergo (ad esempio la patente di guida) e di portare sempre con sé una fotocopia dei documenti, in modo tale che in caso di smarrimento/furto del vostro passaporto o carta d'identità si potrà facilmente ottenere un documento di viaggio provvisorio (ETD -Emergency Travel Document).
Assistenza sanitaria
In caso di problemi di salute, l’Ambasciata ha indicato diverse strutture ospedaliere, servizi di ambulanza e contatti di medici che parlano italiano per un consulto telefonico. Il medico italiano consigliato è il dottor Eliot Cule, presso il Poliambulatorio “Luigi Monti” a Rruga e Kavaje 120, Tirana. Numero +355 4 2223 906/ 2232 021. Per quanto riguarda gli ospedali, sul sito dell’Ambasciata c’è una lista degli Ospedali e dei servizi di ambulanza, così come delle farmacie nella zona dello stadio. L’Ambasciata ha inoltre dato la forte raccomandazione di stipulare una polizza assicurativa che comprenda il rimpatrio sanitario e copra eventuali spese sanitarie durante la permanenza in Albania che è un paese extra-europeo dove quindi non si estende l'assistenza sanitaria europea (TEAM).
Dove siamo nel mondo
La sede diplomatica italiana a Tirana ha inoltre consigliato l’iscrizione al sito che la Farnesina mette a disposizione dei viaggiatori per comunicare la propria partenza verso una destinazione estere. L’iscrizione è consigliata prima della partenza e consente di fornire gli elementi necessari al fine di essere rintracciati e di ricevere informazioni utili in caso di emergenza.
Numeri di emergenza
L’Ambasciata ha fornito questi due numeri di emergenza a disposizione dei tifosi italiani per le giornate del 24, 25 e 26 maggio 24 ore su 24: +355 4 2275900 (fisso); +355697026680 (cellulare).
Misure adottate dalla polizia albanese
Speciali provvedimenti sono stati previsti dalla Polizia di Stato in relazione alle attività che saranno svolte dal Comune di Tirana sia nell’accoglienza dei tifosi sportivi delle due squadre che avverrà in due "Fan Zone", presso la strada pedonale "Murat Toptani" per gli appassionati della squadra del Feyenoord e nell'area dell'Anfiteatro sulle colline del Lago Artificiale di Tirana per gli appassionati di sport della squadra di Roma, sia nell'attività festiva che sarà organizzata in " Piazza Skënderbej”.
Il movimento dei tifosi sportivi della squadra di calcio del Feyenoord verso lo Stadio sarà diretto a piedi dalla "Fan Zone" alla via pedonale "Toptani", lungo il Boulevard "Deshmorët e Kombit", in via "Gjergj Filipi", mentre quello degli appassionati di sport della squadra di calcio della Roma verso lo Stadio avverrà a piedi dalla "Fan Zone" all'Anfiteatro sulle colline del Lago Artificiale attraverso Piazza "Chopin", via "Lek Dukagjini".
È un'occasione per ricordare ai cittadini albanesi e stranieri che secondo il codice penale della Repubblica d'Albania, le azioni violente durante un’attività sportiva, quali l'ingresso nel campo di gioco durante lo svolgimento dell'attività sportiva da parte di persone non autorizzate, costituiscono reato penale punito con una multa da 50.000 a 100.000 Lek (equivalente a una somma da €400 a €800). Quando da tale reato deriva l'ostacolo al normale svolgimento dell'attività sportiva, la sanzione è costituita dalla multa o dalla reclusione fino a tre mesi. Il lancio di oggetti solidi sul terreno di gioco o sulla massa di persone, il possesso o l'uso di articoli pirotecnici, fuochi d'artificio, lanciafiamme, durante lo svolgimento di un'attività sportiva, sono puniti con la reclusione da sei mesi a tre anni.
La legislazione penale albanese considera il reato di percosse o qualsiasi altro atto di violenza nei confronti di un atleta, allenatore, arbitro, mediatore sportivo, dovuto all'attività sportiva, da parte di soggetti estranei a tale attività, punibile con la reclusione da uno a tre anni. Lo stesso reato, quando commesso negli impianti sportivi, più di una volta, o da dirigenti o membri di società sportive, è punito con la reclusione da uno a cinque anni. (aise)