SOLIDARIETÀ E RESPONSABILITÀ: RIFUGIATI AL FIANCO DELL’ITALIA CONTRO IL CORONAVIRUS

SOLIDARIETÀ E RESPONSABILITÀ: RIFUGIATI AL FIANCO DELL’ITALIA CONTRO IL CORONAVIRUS

ROMA\ aise\ - Abdullahi, Alireza, Danait, Halah, Hanna, Indira e Mirvat hanno origini diverse, vengono dalla Siria, dall’Eritrea, dall’Iran, dal Venezuela, dalla Somalia, dallo Yemen. Le loro storie hanno in comune un’esperienza drammatica e durissima, quella della fuga dal loro Paese di origine per salvarsi la vita. Il nostro Paese ha dato loro protezione e li ha messi nella condizione di poter ricominciare, di sentirsi parte di una comunità e di contribuire al suo sviluppo.
Oggi, insieme a tutti gli italiani li hanno accolti, devono affrontare una nuova, difficile, battaglia, quella contro il contagio da COVID-19. Per una settimana, infatti, Abdullahi, Alireza, Danait, Halah, Hanna, Indira e Mirvat gestiranno l’account Instagram di UNHCR Italia, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, per aiutare a contenere il contagio, per lanciare un messaggio di responsabilità e solidarietà, condividendo con noi la loro esperienza di resilienza. I rifugiati in Italia sono parte delle comunità che li ospitano, sono vicini di casa, colleghi, mamme e papà nelle chat di scuola. Oggi sono in lockdown per combattere il COVID-19, insieme a tutti. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi