FARE RETE DURANTE L’EMERGENZA

FARE RETE DURANTE L’EMERGENZA

ROMA – focus/ aise - Nel quadro delle misure collegate all’emergenza COVID-19 e in ottemperanza alle misure delle autorità australiane ed italiane per la tutela della salute dell’utenza e del personale in servizio, a partire da ieri, 26 marzo, e per tutta la durata dell’emergenza il Consolato d'Italia a Brisbane, nel Queensland, è pienamente operativo per l’assistenza ai connazionali.
L’ingresso in Consolato sarà tuttavia possibile solo con il rispetto delle regole relative alle distanze ed alle misure di igiene prescritte in Australia e Queensland. Saranno erogati servizi esclusivamente tramite appuntamento in casi d’urgenza/emergenza, come ad esempio il rilascio di un Emergency Travel Document e/o di un passaporto in condizioni di indifferibilità. Tutti gli utenti che già disponessero di un appuntamento verranno contattati. Chi ritenesse di trovarsi in condizioni di dover richiedere il rilascio urgente di un passaporto o di un E.T.D. dovrà inviare un’email a brisbane.passaporti@esteri.it indicando le proprie generalità, il numero di telefono, le ragioni dell’urgenza e sarà ricontattato in tempi brevi dall’ufficio.
Le pratiche di stato civile e AIRE saranno gestite esclusivamente online o eccezionalmente tramite posta. Altri servizi quali ad esempio dichiarazioni di valore, patenti, notarile, richieste di codice fiscale, saranno differiti. Per i visti ci si potrà rivolgere esclusivamente a visa.brisbane@esteri.it e per la cittadinanza a brisbane.cittadinanza@esteri.it.
Il Consolato garantisce che continuerà a garantire tutta l’assistenza necessaria ai connazionali e agli utenti attraverso la posta elettronica nonchè attraverso le proprie linee telefoniche dedicate: 0061 07 3229 8944 per informazioni anche su tutti i servizi, lunedì e mercoledì dalle 13.00 alle 14.30 e venerdì dalle 9.00 alle 10.30; 0061 (0) 492 802 615 solo per argomenti legati all’emergenza coronavirus, dal lunedì al venerdì tra le 9.00 e le 16.00; 0061 (0) 492 892 105 solo per argomenti legati all’emergenza coronavirus, dal lunedì al venerdì tra le 9.00 e le 16.00; 0061 (0) 417 600 441 che è il numero di emergenza del Consolato da chiamare solo in casi di comprovata emergenza e necessità.
Prima di contattare telefonicamente il Consolato, i connazionali sono invitati a leggere le informazioni pubblicate sul sito internet dello stesso che vengono aggiornate quotidianamente.
L'Italian Medical Society of Great Britain (IMSoGB), associazione che riunisce i professionisti italiani nel settore sanitario, contribuisce in collaborazione con il Consolato Generale d'Italia a Londra contribuisce al lavoro della Task Force Coronavirus istituita per rispondere alle richieste dei connazionali in questo delicatissimo momento.
Insieme il console generale Marco Villani e il presidente dell'IMSoGB Kito Fusai hanno sottoscritto una lettera indirizzata a tutti coloro potenzialmente interessati a contribuire all'iniziativa.
“Cari, in questo momento di enorme crisi internazionale, con la pandemia causata dal covid-19, che sta colpendo così se veramente il nostro Paese”, si legge nella lettera, “uno degli aspetti più sensibili e pericolosi è la mancanza di informazioni accurate”. Per questo la IMSoGB, cui molti medici italiani residenti in Inghilterra sono registrati, continua la lettera, “sta svolgendo un lavoro costante per aggiornare il sito con articoli e link rilevanti, inclusi quello della World Health Organization”.
“Inoltre”, si legge ancora, “l'associazione, insieme a Dottore London, è parte della Task Force promossa dal Consolato Generale d'Italia a Londra, composta da medici e specialisti italiani per fornire ulteriore supporto informazione a tutti coloro che ne hanno bisogno”.
“A nome di tutti” Villani e Fusai ringraziano “medici specialisti che hanno già offerto il loro contributo e”, aggiungono, “incoraggiamo chiunque voglia aderire a questa iniziativa a contattare la segreteria dell'associazione all'indirizzo www.imsogb.org”.
“Non abbiamo dubbi che in momenti come questi l'entusiasmo il desiderio di aiutare compensino le enormi difficoltà attuali e in particolare”, conclude la lettera, “ci teniamo a sottolineare il rischio a cui personale medico, para medico ed ospedaliero in generale è costantemente esposto, mettendo a rischio la propria vita per salvare quella degli altri. Un saluto e un grazie di cuore a tutti”.
“Cari Connazionali, mi rivolgo a voi tutti, alle vostre famiglie e ai vostri cari, in questo difficilissimo momento che accomuna nell’avversità tutti i popoli del mondo e nel quale il nostro Paese sta purtroppo un prezzo elevatissimo. Come di consueto, ero in procinto di aggiornarvi sulle nostre attività. Avevo preparato un articolato messaggio che, con lo scorrere degli eventi, non mi sento più di condividere. Il cataclisma che ha sconvolto le nostre vite ci impone nuove priorità”. Inizia così il messaggio che la Console Generale d’Italia a Parigi, Emilia Gatto, ha indirizzato ai connazionali il 23 marzo scorso. Ne riportiamo di seguito la versione integrale.
“La grande emergenza che stiamo vivendo richiede a tutti uno straordinario senso di responsabilità, di attenzione al prossimo, di solidarietà, di fratellanza, di generosità.
Rivolgo pertanto a tutti voi un appello affinché ogni singolo connazionale collabori facendo la sua parte nel pieno rispetto delle regole che sia il nostro Governo sia quello del Paese che ci ospita ci hanno dato. Sono dure, difficili, necessarie. Sono chiare, anche se in continua evoluzione perché dobbiamo adattarci, e reagire ora per ora all’andamento di un fenomeno che non governiamo. È pertanto non soltanto auspicabile, ma fondamentale prendere regolarmente visione del nostro sito, che aggiorniamo continuamente, e di tutti gli altri siti istituzionali rilevanti:
Consolato Generale: https://consparigi.esteri.it/consolato_parigi/it/
Ambasciata: https://ambparigi.esteri.it/ambasciata_parigi/it/
Viaggiare sicuri: http://www.viaggiaresicuri.it/
Comites di Parigi: https://www.comitesparigi.fr/
Governo francese: https://www.gouvernement.fr/info-coronavirus
France Diplomatie: https://www.diplomatie.gouv.fr/fr/conseils-aux-voyageurs/conseils-par-pays-destination/
Santé publique France: https://www.santepubliquefrance.fr/
Il Consolato, le Istituzioni, contano sull’impegno di tutti voi.
Il Coronavirus ha avuto effetti paralizzanti anche sull’attività ordinaria del vostro Consolato, in primo luogo con il rinvio della data del Referendum Costituzionale, ma anche di tutti gli eventi in programma, da quelli più prettamente rivolti all’utenza consolare, come “InformiAmoC” e “InformiAmoCIT” (incontri con la nostra squadra per quesiti sui servizi consolari e in materia di cittadinanza), a quelli destinati ai professionisti, come gli incontri con avvocati e giuristi, con il personale del settore sanitario, con i giovani universitari, studenti di master e dottorandi (che avevamo qui incontrato subito prima della crisi in grande numero, grazie alla nostra piattaforma dedicata), a quelli celebrativi, infine, come l’evento che avevamo organizzato per la giornata della donna.
Anche la carta d’identità elettronica, grande innovazione che il vostro Consolato, una delle sedi pioniere della rete, aveva appena fatto partire, ha purtroppo subito una battuta d’arresto proprio durante il periodo di avviamento della procedura.
Fortunatamente, siamo riusciti in tempo a realizzare il nostro grande progetto L’Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie, promosso in collaborazione con il Comitato degli Italiani eletti all’Estero (COMITES) e il prezioso sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. Una bella iniziativa di valorizzazione del patrimonio di amicizia profonda tra l’Italia e la Francia.
All’inizio di quest’anno ha infatti visto la luce una magnifica pubblicazione edita da Skira, che suggella e ricompensa i nostri sforzi. La fortuna ci ha assistito fino in fondo, perché prima dello sconvolgimento Covid-19 siamo riusciti a realizzare tutti gli eventi di presentazione dell’opera che avevamo programmato!
La prima presentazione dell’opera ha avuto luogo il 7 febbraio 2020 presso l’Ambasciata d’Italia a Parigi all’illustre presenza dell’Ambasciatrice d’Italia Teresa Castaldo, del Direttore Generale degli Italiani all’Estero Luigi Vignali e del Presidente del Comitato degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES) Vincenzo Cirillo. Ospite d’onore è stata l’attrice Monica Bellucci, coautrice dell’opera, mentre il 10 febbraio 2020 abbiamo avuto il piacere di presentare nella prestigiosa cornice dell’Ambasciata di Francia a Roma. Successivamente, su invito di alcune delle numerose collettività locali che hanno lavorato alla pubblicazione, si sono susseguite presentazioni di carattere monografico a Napoli, Ravenna, Milano, Bari, Barletta, Pesaro, Livorno, Firenze e, infine, Catania.
Ringrazio tutti gli organizzatori e i partecipanti: in ordine, insieme alle loro squadre, il Sindaco Luigi De Magistris, il Presidente Antonio Patuelli, l’Assessora Roberta Cocco, il Direttore Aldo Patruno, il Sindaco Cosimo Cannito, il Vice Sindaco Daniele Vimini, il Sindaco Luca Salvetti, il Presidente Valdo Spini e il Sovrintendente Giovanni Cultrera. A tutte le presentazioni, ho avuto il piacere di assicurare la mia presenza. Sono stati momenti splendidi, che hanno peraltro suscitato una grande attenzione mediatica, come non ci saremmo mai immaginati. Grazie, grazie a tutti gli straordinari 123 autori volontari e a tutti gli amici che ci hanno accompagnato e sostenuto in questo meraviglioso percorso!
Cari Connazionali,
nel concludere, desidero riprendere l’argomento di apertura di questo messaggio.
Il vostro Consolato è a disposizione. Vi assicuro che tutta la squadra sta lavorando senza sosta, con una dedizione al lavoro senza precedenti. Ci troviamo in prima linea, sommersi da centinaia, migliaia di telefonate e email di richieste di assistenza e di informazioni, alle quali cerchiamo come possiamo di far fronte.
Abbiamo creato una Task Force di coordinamento (per vostra informazione, durante la settimana sono attivi i seguenti numeri: 0144304700/42/45; 0669560688; 0669587452; 0669642667 e la mail informazioni.parigi@esteri.it - per le sole urgenze: H24 i numeri 0607227256 e 0680063238) che lavora in costante collegamento con l’Ambasciata, che smista le informazioni che riceve in tempo reale per tutto il territorio francese.
A questa stretta collaborazione istituzionale si sta affiancando il Comitato degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES), che per vocazione ha proprio l’assistenza ai connazionali, cui abbiamo chiesto di sostenerci su questioni che il Consolato ha già esaminato e che richiedono un seguito organizzativo e logistico complementare o di semplice ascolto.
A questo proposito, desidero ringraziare tutti coloro che spontaneamente si sono detti disponibili ad aiutarci: associazioni, professionisti, singoli individui. Grazie, grazie infinite. Grazie di quanto già fate, soprattutto per alcune categorie di voi, grazie per quanto farete e per quanto desiderate fare. Ogni aiuto è benvenuto. Occorre però che sia strutturato attraverso i vostri rispettivi centri di aggregazione. Oltre al COMITES, si stanno attivando il CAP Paris (Coordinamento dei Professionisti Italiani nella regione parigina), il gruppo degli operatori del settore sanitario esclusi ovviamente coloro che sono “al fronte”, gli psicologi riuniti nell’APSI, i ricercatori (Recif), e tante altre realtà. Prendete contatto con loro, per mettere le vostre energie in sinergia con quelle istituzionali nel comune impegno per vincere questa grande sfida.
Cari Connazionali,
Teniamo duro. Pensiamo positivo. Io sono convinta che presto vedremo la fine del tunnel. Supereremo, insieme, anche questa prova. Con il contributo e lo sforzo di tutti.
Nell’attesa del grande piacere di rivedervi presto de visu, vi abbraccio tutti virtualmente, Emilia Gatto”. (focus\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi