LA RETE ITALIANA ALL’ESTERO

LA RETE ITALIANA ALL’ESTERO

ROMA – focus/ aise - È arrivata in Argentina, a Buenos Aires, la mostra itinerante "Italia, la Bellezza della Conoscenza" promossa e finanziata dal Ministero degli Affari Esteri e il Consiglio nazionale delle ricerche in collaborazione con Fondazione Idis-Città della Scienza di Napoli, Museo Galileo Galilei di Firenze, Muse – Museo delle Scienze di Trento e Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
La mostra è stata inaugurata il 26 novembre nel Salone degli Scudi del Centro Culturale Kirchner e ha aperto il 27 novembre le sue porte al pubblico; sarà allestita sino al 15 dicembre, dal mercoledì alla domenica e nei giorni festivi, dalle 13.00 alle 20.00, con ingresso gratuito.
Rinomata per la sua storia e tradizione, l'Italia è anche un laboratorio di innovazione attiva in cui si affrontano sfide affascinanti e dove si immagina e si pianifica un futuro migliore. "L'Italia, la bellezza della conoscenza" è un'occasione per conoscere l'eccellenza del "Laboratorio Italia".
La mostra trasmette le interazioni tra il sistema di ricerca italiano, la tradizione artistica e lo stile di vita italiano. I temi principali del tour sono: salute, ambiente, spazio, cibo e nutrizione e patrimonio culturale. Attraverso le cinque sezioni, lo spirito storico e vitale del Rinascimento si distingue come una forza trainante per la ricerca e l'innovazione attuali, divenendo un modello culturale per tutto il mondo.
Dopo essere stata esposta ad Alessandria d'Egitto, Nuova Delhi, Singapore, Jakarta, Hanoi e a Canton, la mostra arriva dunque in Argentina, dove l'Italia sviluppa un'intensa collaborazione nel settore della ricerca scientifica e tecnologica. Il programma esecutivo bilaterale per la cooperazione scientifica e tecnologica finanzia 15 progetti triennali di ricerca congiunti e vi sono numerosi progetti bilaterali strategici in settori all'avanguardia: osservazione satellitare terrestre, astrofisica, medicina nucleare, scienze del mare e della terra, conservazione dei beni culturali. L'innovazione accompagna anche la collaborazione commerciale con progetti come la creazione di un polo di produzione di batterie al litio nella provincia di Jujuy.
La mostra "Italia, la Bellezza della Conoscenza" fa parte del programma "In-Genio Italiano" che, a 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, celebra le capacità creative e innovative dell'Italia. Durante queste settimane, Buenos Aires continua a ospitare numerose iniziative sulla ricerca scientifica italiana: la mostra "1519-2019: il genio di Leonardo Da Vinci - macchine e invenzioni", esposta al Barolo Basses del Barolo Palace fino al 5 del Dicembre; il seminario "Tecniche non distruttive per i beni culturali" organizzato dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dall'Università di Bologna, dall'Università di San Martín e dall'ambasciata italiana; il "Congresso Internazionale di Medicina del Lavoro Italia-Argentina"; incontri sulla dieta mediterranea e le relazioni tra cibo e salute, in programma il 6 e il 9 dicembre presso la scuola di cucina Mauri Sebess di Vicente López; e un colloquio con il neuroscienziato Facundo Manes intitolato "Leonardo, neuroscienziato?".
Domenica 24 novembre, per chiudere la Iª Settimana Internazionale dell’Italia a Porto Alegre, il Consolato Generale, in collaborazione con la Prefeitura Municipal di Porto Alegre, il gruppo ciclistico Pedalegre e il gruppo "Pedal do ACERGS" - gruppo ciclistico dell'Associazione Non Vedenti del Rio Grande do Sul - ha organizzato un giro ciclistico "Giro d'Italia".
L’evento ha riunito all'incirca 200 ciclisti partendo dalla Praça Itália e percorrendo oltre 10 km per le strade della città, fino ad arrivare al centro commerciale Bourbon Country, dove i ciclisti hanno potuto visitare il Mercatino Italiano e degustare la ricetta di "Risi e bisi", il risotto con i piselli tipico del Veneto, preparato dallo chef Galdino Zara nell'ambito della IV Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. La degustazione è stata accompagnata da eccellenti vini italiani.
Anche quest’anno l'Ambasciata italiana a Tbilisi ha partecipato con un proprio stand - sia nell’area prodotti che nell’area food - alla Winter Fair organizzata annualmente dall’International Women's Association Georgia (IWA). La fiera di beneficenza si è tenuta questo sabato, 30 novembre, dalle 10.00 alle 18.00 presso l’Hotel Sheraton Grand Tbilisi Metechi Palace.
Grande successo, infine, per l’evento tenutosi presso il Consolato Generale di Parigi giovedì 21 novembre, dedicato alla pasticceria siciliana e organizzato dall’Accademia Italiana della Cucina delegazione Canicattì e delegazione Parigi Montparnasse, nell’ambito della 4^ edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo.
Alla manifestazione, a cui hanno partecipato oltre 150 persone, sono intervenuti, con una conferenza sulla pasticceria siciliana nella dieta mediterranea, Rosa Cartella, delegata AIC Canicattì e Dirigente Scolastico presso I. C. “M. L. King” di Caltanissetta; Andrea Fesi, vicedelegato AIC e professore di lettere classiche e storia dell’alimentazione e Salvatore Farina, presidente dell’Associazione Duciezio e Premio Orio Vergani 2010 AIC.
La conferenza - aperta alla presenza della Console generale Emilia Gatto – è stata seguita da una degustazione di dolci della tradizione siciliana preparati dai pasticcieri dell’Associazione Duciezio, coadiuvati dagli studenti dell’Istituto Superiore Bartolomeo Scappi di Castel San Pietro Terme. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi