La settimana del Cgie

ROMA – focus/ aise - “Il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE), organismo dello Stato con competenze dirette per le politiche rivolte ai nostri connazionali all’estero, formula i migliori auguri di successo al Presidente Massimiliano Fedriga per il compito che si appresta a svolgere alla guida della Conferenza Stato-Regioni-province Autonome”. È quanto si legge nel messaggio che il segretario generale del Cgie, Michele Schiavone, ha inviato al neo presidente della conferenza, eletto la scorsa settimana come successore di Stefano Bonaccini.
Tra le funzioni del Presidente Fedriga, ricorda il Consiglio generale, “rientra anche la tenuta della Conferenza permanente Stato-Regioni-Province autonome-CGIE, che con i migliori auspici dovrebbe svolgersi nel corso dell’anno corrente”. Si tratta, ricorda il Cgie, di “un organismo chiamato a programmare le politiche rivolte agli italiani all’estero con prospettive triennali”.
Nel messaggio, Schiavone non manca di sottolineare che “per molteplici imprevisti e spesso per il susseguirsi di avvicendamenti in seno alla rappresentanza governativa, la Conferenza Stato-Regioni-Province Autonome-CGIE non si riunisce da oltre dodici anni. Come da accordi assunti con il Governo precedente, ci auguriamo di poter realizzare finalmente questa conferenza”.
“Parte dei lavori preparatori all’Assemblea Plenaria della IV Conferenza – ricorda ancora Schiavone – sono fermi dal mese di febbraio scorso e sarebbe opportuno farli avanzare per aggiornare leggi, regolamenti, programmi e in particolare le politiche per gli italiani all’estero, perciò si chiede a tutti i componenti della Conferenza di assumere impegni formali e definitivi per farla avanzare e portare a compimento quanto prodotto in questa fase preparatoria. In prospettiva e in funzione dell’affermazione di questo organismo, - conclude il segretario generale – il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero ha già istituito la segreteria amministrativa della Conferenza ed è felice di collaborare con il Presidente Fedriga”.
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che assegna al sottosegretario agli esteri Benedetto Della Vedova le deleghe per le questioni relative alle politiche degli italiani all’estero.
Tra i primi messaggi ricevuti dal sottosegretario quello del Consiglio generale degli italiani all’estero che auspica una futura collaborazione “proficua e di successo”.
Della Vedova – che in questo incarico succede a Ricardo Merlo – incontrerà virtualmente il Comitato di Presidenza del CGIE già la prossima settimana.
Il segretario generale Michele Schiavone ha infatti convocato il Cdp il 22 aprile. Primo punto all’ordine del giorno proprio la presentazione del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero al sottosegretario Della Vedova.
Il Cdp, poi, farà il punto sul prosieguo dei lavori preparatori all’Assemblea Plenaria della Conferenza Permanente Stato-Regioni-Province autonome-CGIE e sul rinnovo dei Comites, decreto legge 30 dicembre 2019, numero 162. Preparazione e tenuta delle elezioni nella data indicata dalla DGIT: 3 dicembre 2021. Riforma della legge istitutiva dei Comites e del CGIE.
Gli altri temi all’ordine del giorno sono: Condizioni sanitarie causate dalla pandemia Covid-19 - Sostegni finanziari, medici-sanitari e ripercussioni sociali in loco e per il rientro in Italia dei connazionali, effetti sui servizi consolari causati dalle chiusure di sedi e dalla riduzione dei servizi in presenza; Problemi legati all’applicazione della circolare 3/2020 in materia di promozione della lingua e della cultura italiana; mancanza del coinvolgimento delle rappresentanze degli italiani all’estero nei programmi di promozione integrata legata al Piano per l’export e l’internazionalizzazione del Paese; Quali politiche per gli italiani all’estero nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dell’Italia? Conferenza sul futuro dell’Europa. Proposte per interventi e progetti di interesse per gli italiani all’estero in ambito comunitario: diritti, cultura, sanità, digitalizzazione e transizione anche in ambito sociale; Proposta data convocazione della prossima Assemblea Plenaria del CGIE; Varie e eventuali.
“In questa fase di profonda trasformazione sociale” il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero “non lascerà nulla di intentato per sollecitare e incalzare il Governo italiano a far avanzare e aggiornare le politiche a favore dei cittadini e delle istituzioni italiani all’estero”.
BENEDETTO DELLA VEDOVA
Nato a Sondrio il 3 aprile 1962, dopo la laurea in discipline economiche e sociali alla Bocconi di Milano (1988), è ricercatore presso l’IEFE (Istituto per l’Economia delle fonti di energia, 1987-1990) e in seguito ricercatore presso l’IRER (Istituto di ricerca della Regione Lombardia, 1990-1996). Ha scritto per il Sole24Ore, il Corriere Economia e il Foglio; è stato ideatore e conduttore di rubriche su temi economici per Radio Radicale.
È stato Segretario nazionale (1994-1997) e tesoriere (1994-1996) del movimento dei Club Pannella-Riformatori, dirigente Lista Pannella (1997-1999).
Nell’ottobre del 2005 ha fondato i “Riformatori Liberali”, soggetto politico di cui è stato Presidente.
Eletto europarlamentare tra il 1999 e il 2004, Deputato tra il 2006 e il 2013 e Senatore della Repubblica tra il 2013 e il 2018.
Iscritto da 30 anni al partito radicale, dal gennaio 2019 al marzo 2021 è Segretario di Più Europa, il movimento che ha contribuito a fondare insieme a Emma Bonino.
Ha già ricoperto l’incarico di Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri dal 2014 al 2018. (focus/ aise)