LA SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA IN EUROPA

LA SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA IN EUROPA

ROMA – focus/ aise – Oggi la Camera di Commercio Belgo-Italiana inaugura a Bruxelles, all'Hôtel Amigo, la Quarta Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, organizzando una Cena di Gala con il patrocinio della Regione Toscana e in collaborazione con la F.I.C. Belgio (Federazione Italiana Cuochi del Belgio). Per l’occasione saranno presenti l’Ambasciatrice d’Italia presso il Regno del Belgio, Elena Basile, il Presidente della Camera di Commercio Belgo-Italiana, Fabio Morvilli, Roberto Scalacci, Direttore Agricoltura e Sviluppo Rurale Regione Toscana, la deputata europea Simona Bonafè, commissione ENVI (ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare) e il deputato europeo Paolo De Castro, commissione AGRI (agricoltura e sviluppo rurale). La serata farà onore a diversi Consorzi di tutela toscani con lo scopo di promuovere una migliore comprensione del prodotto autentico e di sensibilizzare i consumatori belgi al consumo di prodotti agroalimentari italiani originali. Per questa occasione, lo chef toscano Igor Rosi del celebre ristorante BoCConi, vincitore del premio Marchio Ospitalità Italiana, preparerà un menù 100% toscano a base di prodotti regionali autentici per i professionisti del settore Horeca: importatori, distributori, cuochi, ristoratori, giornalisti e Food blogger. La serata sarà presentata e animata dal giornalista enogastronomico Carlo de Pascale e si degusteranno 14 prodotti toscani autentici grazie alla partecipazione di Consorzio Vino Chianti; Consorzio per la tutela del farro della Garfagnana IGP; Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP; Associazione di Tutela del Lardo di Colonnata IGP; Consorzio Marrone del Mugello IGP; Consorzio Tutela Vini Montecucco; Comitato promotore IGP Ricciarelli e Panforte di Siena - CO.RI.PANF; Consorzio tutela del Pecorino delle Balze Volterrane DOP; Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP; Consorzio per la Tutela dell'Olio Toscano IGP; Il Ghiareto - associazione piccoli produttori del Fagiolo di Sorana IGP; Consorzio del Prosciutto Toscano DOP; Consorzio di Tutela dell’Olio di Seggiano DOP; Associazione Granaio dei Medici. La Cena di Gala è organizzata nel quadro del progetto "True Italian Taste - Valorizzazione e promozione del prodotto agroalimentare italiano autentico - Focus Europa", il cui obiettivo è quello di contrastare la propagazione del fenomeno dell’Italian Sounding, di promuovere i prodotti italiani autentici in Belgio, e di fare conoscere a giornalisti, influencer e importatori belgi il legame prezioso che unisce i prodotti ai territori d'origine. Il progetto "True Italian Taste" (www.trueitaliantaste.com) ha debuttato negli Stati Uniti, in Canada e in Messico con le CCIE di Chicago, Houston, Los Angeles, Miami, New York, Montréal, Toronto, Vancouver e Città del Mexico, a cui si sono aggiunte 12 piazze europee dal 2017 con le CCIE di Bruxelles, Barcellona, Madrid, Londra, Francoforte, Monaco, Lussemburgo, Amsterdam, Lione, Marsiglia, Nizza e Zurigo. I beneficiari di queste azioni sono principalmente gli importatori di prodotti alimentari italiani, i distributori all’estero, i proprietari dei ristoranti italiani all’estero membri del network "Ospitalità Italiana", i direttori degli acquisti nelle catene alberghiere e di negozi specializzati nei settori di riferimento, i principali chef e Food blogger così come i giornalisti specializzati e i nutrizionisti. “Educazione alimentare: Cultura del gusto” è invece il tema della quarta Settimana della Cucina Italiana nel Mondo che si terrà dal 18 al 24 novembre 2019. L’iniziativa è dedicata a promuovere all’estero la cucina italiana di qualità e i nostri prodotti agroalimentari e si sta sempre più affermando come un appuntamento di grande rilevanza. La Settimana vede la Rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura impegnata a proporre un gran numero di eventi in tutto il mondo: seminari e conferenze, incontri con gli chef e corsi di cucina, degustazioni e cene, che accompagnano le attività di promozione commerciale. La cucina italiana è raccontata anche attraverso la sua proiezione nell’arte, con film, concerti e mostre fotografiche. E non mancano momenti di approfondimento su temi di grande attualità, quali il rapporto fra il cibo e la sostenibilità ambientale, la cultura del cibo sano, la sicurezza alimentare, il diritto al cibo, l’educazione alimentare, le identità dei territori e la biodiversità, nel solco dell’eredità di Expo Milano 2015. La Camera di Commercio Belgo-Italiana partecipa anche a diversi progetti volti a promuovere il Made in Italy come il “True Italian Taste”, il cui obiettivo è quello di contrastare la propagazione del fenomeno dell’Italian Sounding, sensibilizzando al consumo consapevole di prodotti italiani autentici. La Settimana della Cucina Italiana torna anche nel Regno Unito, con più di trenta eventi in cinque diverse città: Londra, Liverpool, Manchester, Birmingham ed Edimburgo. Il programma è organizzato dall’Ambasciata d'Italia, l'Agenzia per il Commercio Italiano, la Camera di Commercio Italiana nel Regno Unito, gli Istituti Culturali di Londra e Edimburgo, il Consolato Generale di Edimburgo, l'Accademia della Cucina in collaborazione con diversi partner privati. La manifestazione presenterà la grande varietà della cucina italiana, le sue sfumature regionali e i benefici della dieta mediterranea. Il programma prevede conferenze, tavole rotonde, lezioni e masterclass per principianti e professionisti, spettacoli di cucina ed eventi di degustazione. Diversi famosi chef italiani collaboreranno alla realizzazione dei vari eventi. Lo chef Enrico Cerea del ristorante Da Vittorio di Brusaporto, a Bergamo (tre stelle Michelin) sarà a Londra per un ricevimento in Ambasciata il 23 novembre. Lo chef Gennaro Esposito di Torre del Saracino a Vico Equense, Napoli, (due stelle Michelin) aprirà il suo nuovo ristorante IT London. Al programma parteciperanno anche altri due habitué della scena londinese: Giorgio Locatelli e Francesco Mazzei. Entrambi compaiono nella classifica dei 50 migliori ristoranti italiani nel mondo. Giorgio Locatelli (della Locanda Locatelli - una stella Michelin), terrà un masterclass per gli studenti del Westminster Kingsway College. Francesco Mazzei, di Sartoria, Fiume e Radici, insieme ad altri chef, terrà una vetrina culinaria all'Italian Food Parade, un grande evento pubblico in programma al Borough Market il 21 novembre. L'evento prevede degustazioni offerte da diversi ristoranti e aziende alimentari italiane. Saranno presenti anche i produttori della città di Amatrice con i loro prodotti tradizionali. Mazzei e Locatelli arricchiranno anche la cena di chiusura della settimana, organizzata dall'Accademia della Cucina. All'Istituto Italiano di Cultura di Londra, Diego Zancani, professore di italiano all'Università di Oxford, presenterà il suo libro “How We Fell in Love with Italian Food”. Ci saranno anche aperitivi, degustazioni e cene durante la settimana, oltre a sconti e offerte speciali in vari ristoranti. La cucina italiana sta vivendo una vivace rinascita a Londra. L'aumento della varietà si accompagna all'apertura di realtà commerciali innovative. Il Circolo Popolare, parte del gruppo Big Mamma (che comprende la trattoria Gloria a Shoreditch) ha recentemente aperto a Fitzrovia. A Chelsea, La Mia Mamma propone un menù cucinato - come suggerisce il nome - da mamme italiane che giungono appositamente a Londra ogni tre mesi. Mercato Metropolitano ha appena aperto la sua seconda filiale a Mayfair (la prima è a Elephant & Castle), in un'affascinante ex chiesa. Infine, la 50 Kalò di Ciro Salvo, inaugurata nel luglio 2018 a Trafalgar Square, ha già raggiunto la prima posizione nelle 50 migliori pizzerie italiane all'estero in Europa. L’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera ha annunciato nei giorni scorsi i due eventi in programma per la IV Settimana della Cucina Italiana nel mondo, che verteranno su cultura e enogastronomia. Mercoledì 20 e giovedì 28 novembre, i due eventi saranno organizzati dall’IIC, da ENIT e da Forum Italia, e si svolgeranno presso la sede di Eataly, il primo, e dell’IIC il secondo. La giornata di mercoledì 20 avverrà tra le 17.30 e le 21.00, e avrà come titolo “Raffaello e le Marche”. In occasione del cinquecentesimo anniversario dalla morte di Raffaello Sanzio, Peter Aufreiter, direttore della Galleria Nazionale delle Marche, approfondirà il tema del rapporto di Raffaello con Urbino, città natale dell'artista nonché centro nevralgico della cultura rinascimentale. Durante la serata la regione Marche presenterà inoltre il proprio suggestivo territorio e le eccellenze enogastronomiche di cui è ricco. Prodotti di altissima qualità che al termine degli interventi saranno a disposizione del pubblico. Cultura e piacere si fonderanno in una serata grazie alla quale potrete immergervi nell'affascinante mondo di Raffaello e della sua patria, traboccante di arte, sapori e tesori nascosti. La serata è organizza da Enit - Agenzia nazionale italiana del turismo – in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera, e si svolgerà presso la sede di Monaco di Baviera di Eataly. Giovedì 28, invece, dalle 18.30, avrà luogo “Una straordinaria normalità. Cucina e ricette in casa Morandi”, in cui verrà presentato il ricettario della famiglia Morandi, scritto dalla madre e dalle sorelle del pittore. Partendo dalla cucina, luogo di ritrovo familiare, Carlo Zucchini e Simone Sbarbati rievocheranno ricordi e momenti vissuti in quella casa attraverso ritratti, oggetti, opere e segreti, mostrando un lato più intimo e privato della vita quotidiana di Giorgio Morandi e della sua famiglia. Simone Sbarbati, papà, co-fondatore e direttore di Frizzifrizzi, scrive di arte, design e cultura, collabora con alcune riviste indipendenti e insegna comunicazione presso IUAV e IED. Carlo Zucchini, invece, è maestro elementare, e frequentò la casa di Giorgio Morandi per dieci anni, continuando questa frequentazione fino a quando, rimasta sola Maria Teresa Morandi, collaborò con lei aiutandola a risolvere problemi di autenticità dei lavori inediti del fratello. Infine Maria Teresa lo nominò Garante della Donazione delle opere di Giorgio Morandi al Comune di Bologna. L’evento si svolgerà presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura, organizzatrice dell’iniziativa in collaborazione con il Forum Italia. (focus\ aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli