L’ITALIA IN MOSTRA

L’ITALIA IN MOSTRA

ROMA – focus/ aise - “Estate italiana con Pellegrino Artusi” è la nuova iniziativa Open Air (all’aperto) che vuole celebrare lo scrittore e gastronomo Pellegrino Artusi (autore del libro di ricette “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene) nel giorno, 30 giugno, del suo 200° anniversario della nascita. Una serie di iniziative che prenderanno il via oggi alle 19.30 al Ristorante Incantina di Francoforte, che gode del Patrocinio della Regione Emilia Romagna, del centro di cultura gastronomica italiana Casa Artusi di Forlimpopoli nonché del Consolato Generale d’Italia a Francoforte. Presente all’inaugurazione anche la presidente di Casa Artusi, Laila Tentoni.
Tre gli incontri previsti da giugno a fine agosto con il motto “Pellegrino Artusi invita a …”. Dopo il 30 giugno, il 4 luglio l’iniziativa avrà il carattere di “Un libro, un calice con l’autore” in cui si presenterà il libro di Paolo Ferri “Il cacciatore di comete” (Laterza,2020) mentre il 26 agosto si riparlerà di alimentazione e prodotti italiani a chilometro zero.
Dopo ogni serata seguirà una settimana a tema dove il pubblico potrà provare i piatti del ricettario dell’Artusi, accompagnati dalla degustazione gratuita di vini emiliano romagnoli, scegliendo o il formato AperItalia o una AperiCena con menu a tema.
Infine il ciclo si concluderà a fine agosto con un menù a tema speciale, sempre tratto dal libro dell’Artusi rivisto anche in chiave moderna, e la presentazione di un libro incentrato sulla riscoperta della sana alimentazione e gli effetti benefici, sia per la salute che il portafoglio, di una scelta di prodotti stagionali e di qualità.
Non mancherà di certo anche la musica italiana ad accompagnare le serate all’aperto.
Queste iniziative, tutte organizzate all’aperto, rispetteranno tutti gli standard di sicurezza ed igiene previsti nella regione dell’Assia e quindi sarà obbligatoria la prenotazione per assicurare al meglio l’organizzazione e il distanziamento sociale previsto.
Insomma un’estate italiana open air a Francoforte: un nuovo modo per stare insieme, scoprire i sapori e i territori, l’arte di mangiar bene e di Vivere all’italiana nonché alcune novità editoriali italiane.
“Ambasciata Porte Aperte”. L’iniziativa dell’Ambasciata d’Italia a Brasilia per mostrare il prestigio architettonico realizzato dall’ingegner Pier Luigi Nervi, cui edificio è considerato uno dei più belli della capitale del Brasile, si trasforma dal tradizionale ciclo di visite guidate in un percorso di storia, curiosità e immagini sul web, a un’iniziativa virtuale per far fronte alle gravi ripercussioni che la pandemia sta avendo in Brasile.
Dal 2017 il mese di giugno rappresenta un appuntamento fisso attesissimo dagli abitanti di Brasilia: in occasione del mese della Festa della Repubblica, l’Ambasciata d’Italia è solita aprire le sue porte, accompagnando i visitatori alla scoperta delle peculiarità architettoniche ed artistiche dell’edificio progettato da Nervi.
Struttura imponente, di notevole pregio architettonico e valore artistico, la sede - qui ampiamente considerata come uno degli edifici più belli di Brasilia, al pari dei più famosi monumenti della capitale - è meta abituale di turisti, architetti e ingegneri, oltre che, più in generale, di un pubblico appassionato di arte e cultura italiana. La platea di interessati è sempre molto numerosa, con un numero di prenotazioni tali da rendere spesso necessaria la programmazione di visite straordinarie.
Nelle edizioni passate, più di duemila persone hanno preso parte, gratuitamente, alle visite guidate offerte in portoghese ed italiano, alla scoperta dell’opera architettonica di Nervi, dei saloni della Residenza - ristrutturati recentemente dai noti “designer” italo-brasiliani, i fratelli Humberto e Fernando Campana, insieme a Federlegno Arredo - e delle opere di arte moderna e contemporanea, tra cui le tele che compongono la “Natura Tropicale” del famosissimo pittore brasiliano Candido Portinari.
Il prestigio della Sede è tale che recentemente la Mondadori Electa ha promosso, su impulso dell’Ambasciata, la stampa di una nuova edizione del volume “Pier Luigi Nervi. L’Ambasciata d’Italia a Brasilia”, originariamente realizzato nel 2008 solo in lingua italiana, e riedito con un nuovo formato ed un nuovo apparato fotografico anche in portoghese.
In attesa che le circostanze rendano nuovamente possibile la realizzazione in presenza della quarta edizione dell’iniziativa, l’Ambasciata ha predisposto un percorso tematico online, arricchendo i contenuti delle pagine dedicate alla Sede di nuove sezioni e contributi fotografici: dalle informazioni sulla storia ed il progetto architettonico dell’edificio, alla visita degli interni (una galleria di immagini esclusive), alle misure di sostenibilità energetica messe in atto nell’ambito del progetto “Ambasciata Verde”. Il tutto in italiano e portoghese.
L’Ambasciata ha voluto aprire ancora una volta, seppur virtualmente, le porte di un edificio concepito e costruito in un clima di grandi aspettative, risultato di circostanze peculiari che lo rendono unico per significato e storia, e che contribuisce con orgoglio al ricco patrimonio architettonico della capitale del Brasile, che compie quest’anno sessanta anni. (focus/ aise) 

Newsletter
Archivi