UNA SETTIMANA DA COMITES

UNA SETTIMANA DA COMITES

ROMA – focus/ aise - Il Comites di Basilea, in collaborazione con le Missioni Cattoliche Italiane in Svizzera e con il Patrocinio del Consolato d'Italia in Basilea e del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero, presenteranno il prossimo 6 marzo alle ore 18.30, presso la sede della Missione Cattolica Italiana a Basilea, il "Il rapporto italiani nel mondo 2019", a cura della Fondazione Migrantes.
Giunto alla sua quattordicesima edizione, il Rapporto Italiani nel Mondo si interroga e analizza, con un approccio multidisciplinare, il fenomeno migratorio nel suo continuo mutamento e insieme connaturata inarrestabilità.
Di particolare attualità soprattutto nel nostro tempo, la migrazione degli italiani nel Mondo e le migrazioni della comunità umana in generale, rappresentano un fenomeno in continua crescita e che necessità dell'attenzione e dell'analisi di tutti.
Partendo dagli studi raccolti nel Rapporto 2019 invitiamo a una discussione attiva e proficua su un argomento che condiziona la vita quotidiana delle nostre comunità.
Interverranno nel dibattito di presentazione Nella Sempio, Presidente del Comites Basilea, Pietro Maria Paolucci, Console d'Italia in Basilea, Carlo De Stasio, Coordinatore Nazionale delle Missioni Cattoliche Italiane in Svizzera, Michele Schiavone, Segretario Generale del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero, Delfina Licata, Fondazione Migrantes e curatrice del Rapporto, e Toni Ricciardi, Storico delle migrazioni presso l'Università di Ginevra.
Madrid ha iniziato il 2020 con numerose iniziative culturali e negli ultimi giorni di febbraio continueranno le interessanti offerte culturali da parte di alcune gallerie d’arte di italiani o di spagnoli amanti della cultura italiana, anche in collaborazione con il Comites madrileno.
Captaloona Art, galleria gestita da Claudio Fiorentini, venerdì scorso, 21 febbraio, ha inaugurato l’esposizione della celebre artista Nadia Chellaoui. L’esposizione rimarrà aperta fino alla fine del mese, 29 febbraio.
Sabato 22, invece, a partire dalle 19.00 è andata in scena l’esibizione del KIOKIO TRIO, musicisti argentini che proporranno un concerto di musica tradizionale ma anche qualcosa in più. Raúl Chiocchio, chitarra sette corde, Sebastián Vita, chitarra e voce, Raúl Yuale, percussioni. Dopo il concerto verrà offerto un brindisi con gli artisti.
Altra attività in programma è il laboratorio di Maria Cangiano, organizzato per il 28 febbraio alle ore 20.00, che farà conoscere la propria voce e sviluppare il potenziale della parola ai partecipanti. Maria Cangiano è un’artista poliedrica argentina, cantante, compositrice, attrice e performer.
Alle 18.30 del 29 febbraio, andrà in scena il concerto di fisarmonica, pianoforte, chitarra, tromba e flicorno di Sebastián Vita, che chiuderà l’esposizione di Nadia Chellaoui proponendo improvvisazioni musicali ispirandosi alle opere esposte.
La galleria Vision Ultravioleta e Nuuco (artista italiano), assieme al Comites di Madrid, saranno protagonisti dell’Hybrid Art Fair, presso l’Hotel Petit Palace Santa Barbara, dal 28 febbraio al 1° marzo, per la settimana dell’arte di Madrid.
La galleria presenterà le opere di quattro talentuosi artisti: Jair Leal, Marcelo Mendonça, Nuuco e Xuri Fenton.
Il messicano Jair Leal parteciperà alla settimana dell’arte della capitale spagnola con il suo nuovo progetto Future Memories Redirected, con il quale esalta l’importanza della memoria e dei dettagli che compongono i nostri ricordi individuali o generati dalla nostra civiltà.
Marcelo Mendonça, brasiliano, tratterà invece l’identità e la personalità dell’individuo attraverso ritratti composti da diapositive che con un linguaggio estetico eccezionale sintetizza l’universo umano.
L’artista italiano Nuuco presenterà con le sue opere la parte più straziante della società, in cui denuncia situazioni di immigrazione, violenza e oggettivazione dell’essere umano intervenendo su immagini cartacee riciclate da magazine di moda.
Infine, a chiudere la settimana sarà il lavoro di Xuri Fenton, artista anche lui messicano che utilizza l’illusione della felicità esaltata dai social network per trattare argomenti occultati dai più giovani come l’ansia, la depressione o l’apatia.
Tecniche e stili diversi che con armonia stimolano la riflessione e il dibattito, individuale e collettivo, sull’evoluzione e l’influenza che esercita la società contemporanea sull’individuo.
La galleria Vision Ultravioleta di Madrid, recentemente fondata, desidera presentare a specialisti, collezionisti e appassionati d’arte italiani gli attuali progressi artistici del panorama spagnolo e internazionale.
Ricorre infine nel 2020 la tredicesima edizione del Premio "Italiano dell'Anno", indetta dal Comites Berlino con il patrocinio dell'Istituto Italiano di Cultura e dell'Ambasciata d’Italia in Germania.
Dalla prima edizione del Premio nel 2006, il Com.It.Es Berlino ha premiato ogni anno due connazionali che, a qualsiasi titolo, abbiano contribuito in maniera significativa alla promozione e alla valorizzazione della cultura e dell'identità italiana nel territorio della Circoscrizione di Berlino.
I motivi per l'assegnazione del riconoscimento possono comprendere qualsiasi forma di operato che abbia promosso e valorizzato l'italianità, dal sociale all'artistico, dal culturale all'imprenditoriale, o in ambiti come quello linguistico, interculturale e sportivo.
Le persone potranno essere scelte e premiate anche in rappresentanza di un collettivo o di una organizzazione/associazione che operi nel territorio della Circoscrizione di Berlino.
Il Premio consiste in un Attestato di Merito. La scelta è compiuta da un’apposita Commissione esaminatrice del Comites, al quale andranno inoltrate entro il 30 novembre le segnalazioni di persone, collettivi, associazioni e organizzazioni meritevoli di essere premiati. In mancanza dell’unanimità in seno alla Commissione sulla scelta di uno o entrambi i soggetti da premiare, la decisione sarà rimessa all’Assemblea plenaria del Comites di Berlino, con voto a maggioranza qualificata.
I nomi dei soggetti vincitori saranno resi pubblici tramite comunicato stampa, attraverso il sito web del Comites e tutti gli altri canali mediatici di cui usufruisce il Comites di Berlino, compresa la pagina Facebook.
La premiazione si terrà poi entro il 20 dicembre nell’ambito di una cerimonia appositamente organizzata dal Comites di Berlino.
Per i candidati di cittadinanza italiana, la mancata iscrizione all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) non rappresenta condizione ostativa alla candidatura e alla selezione delle persone da premiare. (focus\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi