ASSOCIAZIONI E DINTORNI

ASSOCIAZIONI E DINTORNI

ROMA – focus/ aise – In occasione della liberazione, due settimane fa, della comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete, il 3 luglio si è tenuto un presidio di solidarietà davanti al Consolato italiano a Basilea. La manifestazione è stataorganizzata dall’associazione Restiamo Umani Basilea – Porti Liberi con l’adesione dei Giovani GIR della Svizzera in risposta alla chiamata "Freedom for Carola Rackete", per protestare dunque contro l'arresto. "Carola Rackete è libera, non dovrà più sottostare agli arresti domiciliari né subire alcuna misura cautelare preventiva", hanno sottolineato gli organizzatori del presidio. "Resta lo sdegno e la necessità di far sentire la nostra voce per i quattro giorni di fermo che Carola Rackete ha dovuto subire, per la gogna sessista e razzista messa in scena in Italia, semplicemente per il coraggio di aver portato in salvo vite umane nel porto più sicuro, non essendo, come ha sottolineato il gip di Agrigento e come la cronaca libica ci conferma, i porti della Libia e della Tunisia considerati tali". Il 7 luglio, invece, appuntamento comunitario a Woodbridge, in Ontario, dove l’Associazione Trevisani nel Mondo e l’Associazione Nazionale Alpini – Gruppo autonomo di Vaughan hanno organizzato un pic nic. A darne notizia è stato il settimanale “Lo specchio”. Il picnic delle due associazioni si è tenuto presso il Centro Veneto (7465 Kipling Ave., Woodbridge). Alle 11.00 del mattino si è tenuta la Cerimonia "Alpini Andati Avanti" ed è stata celebrata la Santa Messa con la Corale Veneta. È poi seguita l’esposizione delle "Stelle Alpine", il pranzo e le attività ricreative con gare e giochi per grandi e piccini, lotteria, musica e ballo.
È stata infine prorogata al 12 luglio scorso la scadenza del concorso fotografico “Scorci d’Abruzzo 2019”, organizzato dall’associazione abruzzese a Bruxelles, Abrussels, con il patrocinio del Consiglio Regionale della regione Abruzzo, per mettere in mostra le bellezze monumentali e architettoniche della regione attraverso una selezione di fotografie e video, per un pubblico proveniente da tutta Europa.
Una sezione speciale del concorso sarà dedicata al decennale del terremoto che sconvolse L’Aquila ed il territorio circostante il 6 Aprile 2009. Il concorso è gratuito ed aperto a fotografi e videomakers amatori e professionisti, provenienti da tutta Italia, nonché ad associazioni culturali o di promozione sociale che abbiano la loro sede in Abruzzo.
Il premio in palio consiste in un'installazione fotografica e multimediale presso una o più sale di pubblico accesso appartenenti ad uno o più partner di Abrussels in Bruxelles (Belgio), in questo mese. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi