PER L’EUROPARLAMENTO INACCETTABILE LA PROPOSTA DI MICHEL SUL PROSSIMO BILANCIO PLURIENNALE

PER L’EUROPARLAMENTO INACCETTABILE LA PROPOSTA DI MICHEL SUL PROSSIMO BILANCIO PLURIENNALE

BRUXELLES\ aise\ - Alla vigilia del vertice straordinario del 20 febbraio, la squadra negoziale del Parlamento Europeo ha espresso ieri, 19 febbraio, la sua opposizione alla proposta del presidente Michel per il Quadro finanziario pluriennale (QFP) 2021-2027.
"Pur apprezzando i contatti che abbiamo avuto con il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nelle ultime settimane, la sua proposta per il prossimo Quadro finanziario pluriennale 2021-2027 è molto al di sotto delle aspettative del Parlamento europeo e dei cittadini", si legge in una nota stampa.
"Il presidente Michel", spiega la nota dell’Europarlamento, "prende come punto di partenza la dannosa proposta preparata a livello tecnico dalla Presidenza finlandese del Consiglio nel dicembre 2019. Dove ci aspettavamo investimenti significativi per realizzare il Green Deal e la transizione digitale e rafforzare l'Europa, il presidente Michel conferma, anzi, accentua i tagli all'agricoltura, alla coesione, alla ricerca, agli investimenti in infrastrutture, digitalizzazione, PMI, Erasmus, occupazione giovanile, migrazione, difesa e in molti altri settori".
Quanto alle entrate e alle risorse proprie, il Parlamento europeo ha rilevato "un'apertura nella proposta", ma ha anche individuato "due importanti carenze: in primo luogo, dobbiamo evitare un meccanismo di correzione del contributo legato alla plastica, che ne comprometterebbe l'effetto di incentivazione. Quindi, l'accordo definitivo deve includere un impegno chiaro e vincolante in merito all'introduzione di nuove risorse proprie aggiuntive durante il QFP 2021-2027".
"La squadra negoziale del Parlamento europeo si oppone pertanto a questa proposta e", conclude la nota, "si aspetta che il Consiglio europeo non adotti conclusioni da questa base". (aise)


Newsletter
Archivi