PROGETTO PILOTA PER LA MOBILITÀ DEGLI ARTISTI IN EUROPA

PROGETTO PILOTA PER LA MOBILITÀ DEGLI ARTISTI IN EUROPA

BRUXELLES\ aise\ - Il Progetto pilota i-Portunus, finanziato dalla Commissione europea, ha lanciato nei giorni scorsi i primi tre inviti a presentare proposte che permetteranno agli artisti di lavorare in un altro paese dell'UE per un periodo compreso tra i 15 e gli 85 giorni.
Dotato di un di bilancio di un milione di euro, il progetto sosterrà la mobilità di circa 500 artisti, al fine di stabilire o consolidare le collaborazioni e creare nuove opere.
Il progetto riguarda due settori: le arti dello spettacolo (recitazione, danza e discipline circensi) e le arti visive ed è aperto a tutti residenti nei paesi che hanno aderito al programma Europa creativa della Commissione. Il prossimo anno la Commissione investirà altri 1,5 milioni di euro in iniziative analoghe. L'obiettivo è quello di prepararsi al 2021, anno in cui la mobilità degli artisti e dei professionisti del settore della cultura dovrebbe diventare un'azione permanente nel quadro del programma Europa creativa.
Il Commissario responsabile per l'istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, Tibor Navracsics, ha dichiarato: "Consentire agli artisti di lavorare oltre i confini nazionali è molto importante, perché imprime slancio al settore e all'economia dell'UE, consente agli artisti di contribuire ai diversi ecosistemi culturali europei e li aiuta a beneficiarne pienamente. Il progetto i-Portunus può svolgere un ruolo fondamentale per spianare la strada al sostegno dell'UE alla mobilità degli artisti su scala molto più ampia". Il primo invito a presentare proposte sarà aperto fino al 15 maggio alle 18. (aise) 

Newsletter
Archivi