Il Parlamento europeo al WMF: l’hackathon sui programmi Ue rivolta a giovani creativi

RIMINI\ aise\ - Per il terzo anno consecutivo e in occasione dell'Anno Europeo dei Giovani, il Parlamento europeo e il WMF, We Make Future, il più grande festival sull'Innovazione Digitale, propongono l'hackathon “#Europeans For Future”. Lo scopo dell'iniziativa, che si tiene alla Fiera di Rimini dal 16 al 18 giugno prossimi, è quello di coinvolgere i creativi nella costruzione di una campagna di comunicazione social che racconti i programmi europei. Alla premiazione parteciperanno anche le eurodeputate Alessandra Basso e Sabrina Pignedoli.
Squadre di giovani studenti, comunicatori, fumettisti, illustratori, influencer e creator si confronteranno nella realizzazione di una campagna che sappia presentare i programmi europei: LIFE, Europa Creativa, ERASMUS+, Europa Digitale, Horizon; Cittadinanza, uguaglianza, diritti e valori; Fondo Sociale europeo; Corpo europeo di solidarietà. I gruppi dovranno esprimere il ruolo di questi strumenti avvalendosi, con il supporto di un mentor, di video, grafiche e illustrazioni.
La competizione avrà luogo nelle prime due giornate del festival, il 16 e il 17 giugno. Una giuria composta da esperti digitali e rappresentanti del Parlamento europeo selezionerà i 3 team finalisti che avranno l'occasione di presentare la propria campagna sul Mainstage del WMF. La premiazione, a cui interverranno le europarlamentari Alessandra Basso (ID – Lega) e Sabrina Pignedoli (NI – M5S), si terrà il 18 giugno e comporterà l’accesso alla WMF Summer School per il primo team classificato, l’accesso al Capodanno della Formazione Digitale e al WMF 2023 per il secondo, l’accesso gratuito al WMF 2023 per il terzo.
Nel 2020 la collaborazione tra WMF e Parlamento europeo aveva dato viva all'hackathon "Europei VS Covid19"; nel 2021 a "#InsiemePer #ilfuturoètuo". Quest'anno i riferimenti per l’iniziativa sono: insieme-per.eu, per la creazione di una comunità paneuropea e la costruzione di un futuro migliore, e #EuropeanYearOfYouth, in riferimento all'Anno Europeo dei Giovani.
“L’Anno Europeo dei Giovani offre l’occasione per evidenziare le tante opportunità offerte dall’Unione europea sui temi che più stanno a cuore ai giovani, come il digitale e la transizione verde – ha detto Carlo Corazza, direttore dell’Ufficio del Parlamento europeo in Italia -. Il WMF rappresenta una bella occasione per discutere di questi temi con un pubblico ampio e interessato, anche all’Europa e al suo futuro. Per questo come Parlamento europeo continuiamo a sostenere questa attività di hackathon e a farlo nella cornice della community insieme-per.eu, che promuove la partecipazione attiva alla democrazia”.
“Puntiamo sempre sui giovani e sul loro coinvolgimento attivo nella costruzione di un futuro migliore, futuro che non può che passare dalla cooperazione internazionale – ha aggiunto Cosmano Lombardo, fondatore e Chairman del WMF -. La collaborazione con il Parlamento europeo, che siamo felici di rinnovare per il terzo anno consecutivo, punta proprio a questo, alla costruzione di un futuro più sostenibile, equo e digitale nato dalle idee e dalle creatività delle nuove generazioni”. (aise)