Incendi boschivi: l'Ue mobilita quasi 370 operatori di primo intervento in tutta Europa

BRUXELLES\ aise\ - Negli ultimi due mesi, attraverso il meccanismo di protezione civile dell'UE, sono stati dispiegati in tutta Europa 29 aerei e otto elicotteri per rispondere alle richieste di assistenza. A questi mezzi si sono affiancati 369 vigili del fuoco e oltre 105 veicoli a terra.
"Ci troviamo ad affrontare un'estate difficile in Europa: quest’anno sono bruciati oltre 700.000 ettari, la superficie più vasta a questo punto dell'anno dal 2006”, annota Janez Lenarcic, Commissario per la Gestione delle crisi. “Finora il meccanismo di protezione civile dell'UE è stato attivato nove volte da cinque paesi, con un livello di solidarietà senza precedenti da parte degli Stati membri dell'UE. Continueremo a monitorare la situazione 24 ore su 24 mediante il Centro di coordinamento della risposta alle emergenze a Bruxelles e a mobilitare l'assistenza necessaria”.
Il servizio di mappatura di emergenza satellitare Copernicus dell'UE è stato attivato 46 volte per incendi boschivi in 15 paesi, e a luglio e agosto circa 150 vigili del fuoco provenienti da Bulgaria, Romania, Germania, Francia, Finlandia e Norvegia sono stati impiegati in Grecia a sostegno dei vigili del fuoco locali.
Gli Stati membri possono attivare il meccanismo di protezione civile dell'UE per chiedere assistenza nella lotta agli incendi boschivi. RescEU rafforza la risposta dell'UE in materia di protezione civile grazie a una riserva che viene mobilitata quando non sono disponibili altri mezzi nazionali. (aise)