Nel mare il futuro: l’Europa insieme per la blue economy

ROMA\ aise\ - Sarà lanciato domani, mercoledì 25 gennaio, alle 9.30, all’Accademia delle Belle Arti di Roma, il partenariato europeo ‘Sustainable Blue Economy’ (SBEP), un intervento di ricerca su scala internazionale per la tutela degli oceani, della biodiversità e delle risorse ambientali marine. A coordinare tutte le attività sarà l’Italia, che per la prima volta riceve la delega sui temi dell’economia blu sostenibile.
Oltre 120 esperti, 60 partner pubblici e privati, 25 Paesi coinvolti: SBEP vuole mettere in comune gli investimenti in ricerca e innovazione e allineare i programmi strategici dei Paesi comunitari e associati.
All’inaugurazione di SBEP interverranno il Ministro dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini e - in video collegamento - la Commissaria Europea per la Ricerca, l'Istruzione, la Cultura, e la Gioventù, Mariya Gabriel, e il Ministro norvegese per la Pesca e la Politica Oceanica, Bjørnar Skjæran.
Sustainable Blue Economy Partnership è un partenariato voluto dalla Commissione europea per conciliare ecologia e sviluppo, tecnologia e sostenibilità. Prevede un investimento di circa 500 milioni di euro nell’arco di sette anni. È uno dei 49 partenariati istituiti nell’ambito del Programma per la Ricerca e Innovazione dell’Unione Europea Horizon Europe.
Il Ministero dell’Università e della Ricerca guiderà, per l’Italia, il coordinamento del consorzio internazionale. Il co-coordinamento sarà della Norvegia. (aise)