Piani nazionali di ripresa: il Parlamento Ue valuta l'andamento dei finanziamenti anticrisi

STRASBURGO\ aise\ - I fondi del Recovery devono essere utilizzati con trasparenza e subordinati al rispetto dello Stato di diritto e alla garanzia del massimo ritorno sull’investimento UE. È quanto ribadisce il Parlamento Europeo in una relazione approvata ieri, 23 giugno.
Il testo, non legislativo, è stato adottato con 420 voti favorevoli, 90 contrari e 83 astensioni.
PROTEGGERE LE RISORSE FINANZIARIE E I VALORI UE
Secondo i deputati, la Commissione dovrebbe garantire un solido meccanismo di revisione, monitoraggio delle spese, di attuazione e di gestione dei dati del Dispositivo per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility – RRF). In questo modo si eviterebbero abusi, doppi finanziamenti o sovrapposizioni di obiettivi con altri programmi di finanziamento dell'UE.
Sottolineano che lo Stato di diritto, la protezione dei valori dell'UE e la sana gestione finanziaria dei fondi UE richiedono una valutazione continua durante tutto il ciclo di vita del RRF. Dovrebbe essere possibile bloccare o recuperare i fondi già erogati in caso di non conformità a questi criteri.
AUTONOMIA STRATEGICA, GUERRA IN UCRAINA E INVESTIMENTI SOCIALI
Gli investimenti dell’RRF per quanto concerne la transizione verde e la trasformazione digitale dovrebbero contribuire ad aumentare l'autonomia e l'indipendenza strategica dell'UE e, in particolare, ridurre l’indipendenza dalle importazioni di combustibili fossili. Tuttavia, i deputati chiedono più progetti transfrontalieri, come il miglioramento dell'interconnessione delle reti energetiche europee di gas ed elettricità, nonché la piena sincronizzazione delle reti elettriche.
Nel testo, si sottolinea il ruolo del dispositivo nell’implementazione di REPowerEU e si afferma che i prestiti disponibili nell'ambito del Recovery potrebbero essere utilizzati per integrare questi progetti e promuovere gli investimenti di transizione energetica dell'UE, contribuendo in modo significativo alla sovranità energetica dell'Unione.
Inoltre, i Paesi UE sono incoraggiati a sfruttare tutto il potenziale dell’RRF, compresi i prestiti, per contrastare gli effetti delle sfide attuali e future in settori quali le PMI, l'assistenza sanitaria, le misure a sostegno dei rifugiati ucraini e delle amministrazioni locali e regionali nell'utilizzo efficace dei finanziamenti.
TRASPARENZA
Il Quadro di valutazione del Dispositivo per la ripresa e la resilienza deve fornire informazioni di base ai cittadini sui progressi complessivi dell'attuazione dei piani nazionali. I deputati chiedono un monitoraggio regolare dell'attuazione dei sei pilastri dell’RRF, così come dell'obiettivo del 37% per la spesa verde e del 20% per le questioni riguardanti il digitale. I Paesi UE dovrebbero raccogliere e garantire l'accesso ai dati sui proprietari effettivi delle imprese che ricevono i fondi e sui beneficiari del programma. (aise)