Premio cittadino europeo 20/21: premiati e finalisti italiani a Roma per le onorificenze

ROMA\ aise\ - L’Ufficio del Parlamento europeo a Roma ospiterà, il prossimo 15 ottobre in una cerimonia ibrida, i vincitori italiani e gli altri 8 finalisti delle edizioni 2020 e 2021 del Premio del cittadino europeo, l’onorificenza assegnata a chi si segnala per aver contribuito alla cooperazione in Europa e alla promozione dei valori dell’Ue. I 30 vincitori di tutta Europa per il 2020 ed i 28 per il 2021, poi, voleranno a Bruxelles per essere premiati ufficialmente il 9 novembre.
“Queste storie di impegno, queste esperienze di cittadinanza attiva – afferma il Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli – traducono i valori su cui si fonda la UE in pratiche di solidarietà e cooperazione quotidiana e testimoniano una volta di più, in questo momento in cui l’Europa sta costruendo il proprio futuro, come dai cittadini venga una spinta decisiva alla consolidazione e allo sviluppo del nostro progetto comune”.
Nel 2020 l’onorificenza è andata al podcast le Voci della Memoria dell’associazione Denia mentre quest’anno il Premio è stato conferito al Microbiscottificio Frolla.
Queste storie di impegno sono state scelte in un ventaglio che vedeva, come finalisti per il 2020 i progetti Mai solo, Do’ si va e la Nuova Carta dei Diritti della Bambina e il docufilm Matera Plovdiv. I finalisti 2021 sono stati invece il progetto Ambasciatori della Fondazione Antonio Megalizzi, Agevolando-Care Leavers Network, la petizione Cittadinanza italiana a Patrick Zaki e l’esperienza di Andrea Borrello con la Croix Rouge Francaise.
Alla premiazione italiana di venerdì 15 ottobre, oltre ai rappresentanti di tutti i progetti finalisti, parteciperanno gli eurodeputati e membri della giuria del Premio, Brando Benifei, S&D-PD, Tiziana Beghin, M5S, e Marco Campomenosi, ID-Lega, e Francesca Landi, della Onlus SOS Bambini, come giurata della società civile.
L’evento, aperto dai saluti di Carlo Corazza, Responsabile del Parlamento europeo in Italia, sarà moderato dalla giornalista del Corriere della Sera Alessandra Muglia e dalla conduttrice ed autrice RAI Metis Di Meo. (aise)