ICS e IRENA uniscono le forze per promuovere la transizione globale del carburante verde

ABU DHABI\ aise\ - L'International Chamber of Shipping (ICS), che rappresenta oltre l'80% della flotta mercantile mondiale, ha firmato un accordo di partenariato con l'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA-International Renewable Energy Agency) per sostenere la decarbonizzazione del settore marittimo e il suo ruolo nella transizione verso un'energia globale del settore basata sulle rinnovabili.
Firmata durante un incontro tra i capi delle due organizzazioni alla dodicesima sessione dell'Assemblea IRENA 2022, la partnership fornirà un quadro nei prossimi due anni per ICS e IRENA per assistere la decarbonizzazione del settore marittimo e l'uso di tecnologie rinnovabili in questo settore chiave dell'economia mondiale.
L’accordo consentirà anche all'industria di lavorare più da vicino con i membri globali di IRENA, più di 160 paesi e territori, sulle questioni relative al ruolo crescente delle energie rinnovabili nella decarbonizzazione del trasporto marittimo.
ICS e IRENA, in particolare, organizzeranno uno scambio regolare di informazioni sull'offerta e la domanda di energia rilevanti per il settore marittimo e lo scambio di dati su scenari di "carburanti futuri" (come idrogeno verde e ammoniaca), sia per gli stati nazionali che per l'industria marittima. Questo accordo di partenariato si concentra in particolare sulla necessità di garantire un'equa transizione energetica per le economie in via di sviluppo e sull'importante ruolo del rafforzamento delle capacità, nonché sul riconoscimento del fabbisogno energetico dello stesso trasporto marittimo.
“Lo shipping – ha ricordato Guy Platten, segretario generale di ICS – rappresenta quasi il 3% delle emissioni globali di CO2 e il nostro viaggio verso la decarbonizzazione è una sfida enorme. Dobbiamo ridurre la nostra dipendenza dai combustibili ad alta intensità di carbonio per alimentare le navi, anche perché negli anni a venire la flotta globale dovrà trasportare combustibili a zero emissioni di carbonio in paesi di tutto il mondo. La nostra nuova partnership strategica con IRENA è un trampolino di lancio fondamentale per garantire che il trasporto di carburanti ecologici sia esso stesso reso "verde". È fondamentale che il settore marittimo continui ad avvicinarsi ai produttori e ai consumatori per facilitare la transizione verso combustibili a emissioni zero, ed è una parte fondamentale della soluzione, non un ostacolo, alla transizione a emissioni zero".
Con il nuovo accesso ai governi di 167 paesi, ICS spera che l'accordo con IRENA stimolerà gli investimenti in ricerca e sviluppo da parte dei decisori politici a rendere ampiamente disponibili sul mercato combustibili a zero emissioni di carbonio.
ICS ha fatto presente alla COP26 che sono necessari quasi $ 5 miliardi di dollari per accelerare il cambiamento nella ricerca e sviluppo verso combustibili a zero emissioni di carbonio nel settore marittimo, poiché è necessario sviluppare molteplici tecnologie nascenti per raggiungere un'implementazione su larga scala. Il passaggio a combustibili alternativi come idrogeno, ammoniaca, biocarburanti ed elettrificazione da fonti rinnovabili potrebbe ridurre dell'80% le emissioni del trasporto marittimo entro il 2050 come rilevato da IRENA. L'accordo di partenariato vedrà anche la consultazione tra i due organismi al fine di combinare le opportunità di rafforzamento delle capacità ed evitare la duplicazione delle risorse.
Secondo Francesco La Camera, Direttore Generale di IRENA, “occorre un'azione urgente per accelerare il ritmo della transizione energetica globale e la decarbonizzazione dell'economia globale. Il trasporto internazionale è un settore chiave dell'economia. In effetti, oltre l'80% del commercio mondiale è consentito tramite navi oceaniche. Eppure il settore è anche uno dei più difficili da decarbonizzare. In quanto tale, - ha aggiunto – il settore marittimo richiede livelli significativi di investimento e cooperazione per garantire che contribuisca positivamente all'agenda globale sul clima. Per risolvere queste sfide, dobbiamo continuare con gli sforzi per costruire una grande coalizione net zero, unendo l'industria e la comunità politica. Questo accordo è un altro passo positivo in questa direzione. Nell'ambito di questa partnership, IRENA lavorerà verso soluzioni congiunte per superare le sfide esistenti per decarbonizzare il settore marittimo".
Il memorandum identifica specificamente l'opportunità che esiste all'interno dei paesi in via di sviluppo, a sostegno della recente costituzione “Just Transition Maritime Task Force”, fondata alla COP26 per promuovere la decarbonizzazione del settore.
Molti marittimi provengono da paesi in via di sviluppo, che stanno assistendo in prima persona agli effetti del cambiamento climatico. Per loro, sostiene ICS, sono necessarie “competenze ecologiche per mantenere in movimento il commercio globale e che le nazioni in via di sviluppo abbiano accesso alle tecnologie e alle infrastrutture per far parte della transizione verde del trasporto marittimo”. (aise)