“Piante Officinali: la filiera del Mediterraneo”: confronto fra operatori all’Università di Salerno

SALERNO\ aise\ - Piante Officinali: la filiera del Mediterraneo”. Questo il titolo del convegno in programma all’Università di Salerno venerdì prossimo, 27 gennaio, alle ore 9.30. La giornata mette a confronto esperti, istituzioni ed operatori del settore, ed è un momento di incontro e dibattito in vista di Spices&Herbs Global Expo, il Salone dedicato a spezie ed erbe officinali ospitato a Macfrut al Rimini Expo Centre il 3-5 maggio prossimo.
Il mercato delle Piante Officinali nel nostro Paese vale qualcosa come circa 1 miliardo di euro, per una produzione di circa 4 mila tonnellate su una superficie coltivata di circa 7.300 ettari. In questo contesto un ruolo di primo piano lo svolgono le regioni del Sud d’Italia per le quali le piante officinali rappresentano una leva di sviluppo di notevole interesse, favorito da alcune peculiarità di quell’area: varietà degli ambienti naturali, biodiversità, clima, cultura e tradizioni dei territori. E proprio qui sono sorte alcune iniziative imprenditoriali di eccellenza, sulla base dei risultati della ricerca scientifica, che hanno dato vita a filiere integrate che vanno dalla coltivazione in campo fino alle applicazioni industriali nei settori nutrizionale, cosmetico e terapeutico. Esperienze che venerdì saranno messe a confronto nella Tavola rotonda raccontando cinque case history imprenditoriali da altrettante regioni del Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) che stanno affrontando con successo la sfida del mercato italiano e internazionale.
La giornata sarà aperta alle ore 10 da Pietro Campiglia (direttore del Dipartimento di Farmacia della Università degli Studi di Salerno), Lucia Coletta (responsabile Servizi di Sviluppo per le Piante Officinali della Regione Campania) e Andrea Primavera (presidente FIPPO - Federazione Italiana Produttori Piante Officinali). A seguire l’intervento di Vincenzo De Feo, ordinario di Botanica Farmaceutica all’Università di Salerno, che parlerà di “Biodiversità officinale dei territori dell’Italia meridionale”.
La Tavola rotonda, moderata da Demetrio Benelli, direttore di Erboristeria domani, mette a confronto esperienze produttive nel Sud Italia: Vincenzo Salamone, presidente Gruppo VOS (Basilicata); Vincenzo Mollace, direttore scientifico H&AD Herbal and Antioxidant Derivates (Calabria); Piero de Bartolomeis, presidente Elody (Campania); Domenico Scordari, presidente N&B società Benefit (Puglia); Violetta Insolia, Innovation manager Bionap (Sicilia).
Le conclusioni sono affidate a Luigi Bianchi di Macfrut che presenterà la seconda edizione del salone Spices&Herbs Global Expo in programma al Rimini Expo Center (3-5 maggio).
La giornata è organizzata da Macfrut, con il patrocinio dell’Università di Salerno e la collaborazione della rivista Erboristeria Domani. (aise)