ARGENTINA: DURA REPLICA DI SOLLAZZO (CIM) ALLE PAROLE DELLA VICEPRESIDENTE KIRCHNER

ARGENTINA: DURA REPLICA DI SOLLAZZO (CIM) ALLE PAROLE DELLA VICEPRESIDENTE KIRCHNER

ROMA\ aise\ - Il Presidente della Confederazione degli Italiani nel Mondo (CIM), Angelo Sollazzo, ha risposto alle parole della Vicepresidente d’Argentina, Cristina Fernández de Kirchner, che nei giorni scorsi ha detto, riferendosi al suo avversario politico nelle ultime elezioni Mauricio Macri, che gli italiani sarebbero “mafiosi per genetica”.
“Non possiamo non stigmatizzare le dichiarazioni della vice-presidente d’Argentina di qualche giorno fa - ha detto Sollazzo -. Molti italiani hanno scelto l’Argentina, quasi un secolo fa, come la loro seconda patria, partecipando attivamente allo sviluppo e al progresso del Paese. Quasi la metà degli argentini hanno radici italiane, e per l’impegno professionale e sociale che da sempre hanno profuso a piene mani all’interno della nazione argentina, non possono essere etichettati come “geneticamente mafiosi”. In qualità di Presidente della Confederazione degli italiani nel Mondo - ha evidenziato ancora il presidente CIM - pur gradendo il gesto del Presidente argentino in carica, Alberto Fernandez, che immediatamente si è dissociato prendendone le distanze, attiverò ogni possibile azione affinché vengano salvaguardati il buon nome e la dignità degli italiani in Argentina”.
Sollazzo ha detto infine di ritenere “urgenti, necessarie e non più procrastinabili” le scuse ufficiali della Kirchner a tutti gli italiani residenti in Argentina. “Alla patente di mafiosità che la signora Kirchner pretende di affibbiare agli italiani - ha concluso il presidente CIM -, potrebbe fare da contrappeso quella di nazismo a lei stessa, viste le sue origini tedesche. Siamo al ridicolo che mostra la superficialità di certi governanti”. (aise) 

Newsletter
Archivi