CORONAVIRUS/ AL VIA LA RACCOLTA FONDI PER BERGAMO DEI BERGAMASCHI NEL MONDO

CORONAVIRUS/ AL VIA LA RACCOLTA FONDI PER BERGAMO DEI BERGAMASCHI NEL MONDO

BERGAMO\ aise\ - L’Ente Bergamaschi nel Mondo, in accordo con la Fondazione della Comunità Bergamasca, ha avviato nelle scorse ore una raccolta fondi per la fornitura urgente di materiale sanitario destinato alla città di Bergamo.
“Bergamo è al collasso e ha bisogno della nostra concreta solidarietà”, si legge nella nota che riporta gli estremi per effettuare la donazione, ancorché piccola: Conto corrente Fondazione della Comunità Bergamasca onlus; Banca Intesa; IBAN: IT64 D030 6909 6061 0000 0171 968; causale: #SOSTENIAMOBERGAMO (specificando nome, cognome e città).
Di seguito la lettera integrale che Enrico Fusi, Presidente dell’ONLUS Fondazione della Comunità Bergamasca, ha voluto recapitare a tutti i bergamaschi nel mondo.
“A tutti i Bergamaschi Cari amici, Sono Enrico Fusi e rappresento la Fondazione della Comunità Bergamasca, mi trovo nella circostanza di rivolgervi un appello accorato per chiedere il vostro aiuto. Sicuramente state seguendo quello che sta avvenendo qui nella nostra amata terra per l’emergenza da coronavirus, la situazione è veramente drammatica, Bergamo è la provincia che soffre di più rispetto all’Italia intera, non si contano più le persone infettate e il numero degli anziani che sta venendo a mancare è impressionante. Si sono attivate molte raccolte fondi sull’urgenza sanitaria soprattutto verso i nostri ospedali, ma la situazione sociale è ancora più emergenziale ed è su quella che voglio puntare la vostra attenzione. In questo momento i nostri volontari e il personale dei servizi sociali che giornalmente accudiscono le persone fragili, i disabili e gli anziani che sono costretti a stare forzatamente a casa sono in estrema difficoltà, perché hanno bisogno di mascherine, guanti e camici monouso per poter consegnare i pasti, la spesa e le medicine e dare assistenza ai disabili. I nostri medici di base sono la seconda linea di intervento e svolgono a loro rischio e pericolo tutto il lavoro che gli ospedali non riescono più ad assorbire, ma anche loro molto spesso non dispongono di questi dispositivi. Il rischio concreto è che una volta esaurite le disponibilità (già ridotte all’osso) si debba interrompere questo indispensabile servizio. È un’emergenza che coinvolge tutti noi e che non può lasciarci indifferenti, siamo una grande comunità e adesso più che mai dobbiamo abbracciarci e restare uniti: BergamoMolaMia! Per questo motivo CHIEDO IL VOSTRO AIUTO, vi chiedo di fare una DONAZIONE anche piccola al nostro fondo #sosteniAMObergamo.per aiutarci in questa missione. Ogni donazione verrà destinata all’acquisto di dotazioni monouso e una volta, si spera, finita questa emergenza saranno utilizzate per ricostruire il nostro tessuto sociale. GRAZIE di CUORE!”. (aise) 

Newsletter
Archivi