INAUGURATI A BRISBANE I NUOVI UFFICI DEL CONSOLATO D’ITALIA

INAUGURATI A BRISBANE I NUOVI UFFICI DEL CONSOLATO D’ITALIA

BRISBANE\ aise\ - Gli utenti del Consolato d’Italia a Brisbane, competente per gli Stati australiani del Queensland ed il Territorio del Nord, possono contare su nuovi spazi, più funzionali e sicuri. Sono stati infatti inaugurati nei giorni scorsi i nuovi uffici del Consolato.
Ad accompagnare il console Salvatore Napolitano alla cerimonia ufficiale erano presenti il ministro dell’Istruzione e delle Relazioni industriali del Queensland, Grace Grace, cittadina italiana, il vice sindaco della Città di Brisbane, Krista Adams, il chief magistrate Orazio Ray Rinaudo, oltre a rappresentanti della collettività e della comunità d’affari italiana.
"L’ampliamento degli uffici del Consolato d’Italia a Brisbane ci consentirà di rendere più efficienti i nostri servizi", ha dichiarato il console, per il quale questo "è il segno evidente dell’attenzione delle istituzioni italiane nei confronti della nostra comunità, in linea di continuità con le misure già introdotte e previste dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in favore di nostri connazionali".
"Siamo fortemente impegnati ad accrescere ed approfondire le relazioni istituzionali, culturali e commerciali con il Queensland ed il Territorio del Nord", ha aggiunto Napolitano, "costruite sul valoroso apporto della nostra comunità da tempo presente nella circoscrizione cui si unisce una nuova qualificata immigrazione e l’attività delle nostre aziende".
L’italiana Ghella, i cui rappresentanti erano presenti alla cerimonia d’inaugurazione del Consolato, si è appena aggiudicata a Brisbane con un consorzio di aziende la costruzione del Cross River Rail, un progetto di 5.4 miliardi di dollari australiani (circa 3,4 miliardi di euro) per migliorare i trasporti, mentre nel Territorio del Nord l’ENI, da tempo attiva nell’esplorazione, produzione e fornitura di gas, ha fatto da poco il suo ingresso nel mercato delle rinnovabili locale e sta costruendo quella che sarà la centrale fotovoltaica più grande d’Australia.
La circoscrizione del Queensland e del Territorio del Nord ha un’estensione grande circa 10 volte l’Italia ed immense ricchezze naturali e turistiche, oltre a presentare ingenti interessi commerciali soprattutto nel settore delle infrastrutture e dell’energia. (aise)


Newsletter
Archivi