Stop quarantena per gli arrivi extra Ue

ROMA\ aise\ - “A partire dal 1° marzo per gli arrivi da tutti i Paesi extraeuropei saranno vigenti le stesse regole già previste per i Paesi europei. Per l’ingresso in Italia sarà sufficiente una delle condizioni del green pass: certificato di vaccinazione, certificato di guarigione o test negativo”. Firmata ieri una nuova ordinanza che prevede che, a partire dal primo marzo, per gli arrivi da tutti i Paesi extra europei valgano le stesse regole già vigenti per i Paesi europei.
Dunque “per l'ingresso sul territorio nazionale sarà sufficiente una delle condizioni del Green pass: certificato di vaccinazione, certificato di guarigione o test negativo".
Decade, quindi, l’obbligo di quarantena per gli arrivi da Paesi extra europei: l’ordinanza, infatti, cancella quanto previsto dai precedenti provvedimenti – le ordinanze del 28 settembre, del 22 ottobre, del 14 dicembre e dello scorso 27 gennaio - che al di là dell’Europa liberavano dalla quarantena solo i rientri dalle destinazioni dell’Elenco D e da quelle oggetto di corridoi turistici Covid free.
Con la nuova ordinanza - in vigore dall’1 marzo al 31 marzo - le misure previste dalle ordinanze del Ministro della Salute 28 settembre 2021, 22 ottobre 2021, 14 dicembre 2021 e 27 gennaio 2022, come detto, cessano di applicarsi.
In particolare, vengono eliminati gli elenchi dei Paesi e uniformate le regole di ingresso sul territorio nazionale.
L’ingresso in Italia sarà consentito presentando:
– digital Passenger Locator Form (PLF) in forma digitale o cartacea;
– certificazione verde Covid-19 (certificato di vaccinazione, certificato di guarigione o test molecolare o antigenico negativo) o altra certificazione di vaccinazione riconosciuta come equivalente.
Solo in caso di mancata presentazione di una di queste certificazioni, si applica la misura della quarantena per un periodo di 5 giorni con l’obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico al termine del periodo. (aise)