TEHERAN: IL TERZO EPISODIO DI "DOMUS EYES ON IRAN" IN AMBASCIATA

Teheran: il terzo episodio di "Domus Eyes on Iran" in Ambasciata

TEHERAN\ aise\ - La Residenza dell’Ambasciatore a Teheran, Giuseppe Perrone, ha ospitato oggi, 16 dicembre, il lancio del nuovo episodio della video-serie originale dedicata all’architettura e al design “Domus eyes on Iran”, prodotta dall’Ambasciata in collaborazione con la storica rivista milanese.
L’episodio, il terzo dei dieci previsti, analizza il rapporto dell’architettura iraniana con la natura, attraverso un’analisi dei lavori degli architetti Sara Kalantary e Reza Sayadian, partendo dagli appartamenti “Saba”, edificio residenziale ubicato nel quartiere Heravi di Teheran ed oggetto di un articolo di Domus nel 2016, per poi passare agli appartamenti “Danial” (2011) e alla “Casa-06” (2020).
Nel video-documentario gli appartamenti “Saba”, esempio di design urbano low-cost ed ecosostenibile, vengono anche messi in relazione allo storico edificio razionalista degli anni 30 di Giuseppe Terragni “Casa del Fascio” a Como, anche esso presentato da Domus in un numero del 1938.
L’evento presso la residenza dell’Ambasciatore italiano, a cui ha preso parte un selezionato gruppo di architetti, imprenditori e giornalisti, rigorosamente ristretto in ottemperanza ai rigidi protocolli anti-Covid19, ha ricevuto ampia copertura mediatica nei principali canali televisivi iraniani.
Attraverso l’analisi di opere realizzate nel corso degli ultimi decenni, la serie “Domus Eyes on Iran” mette in luce la rilevanza dell’apporto di architetti e designer iraniani, nonché le numerose e proficue connessioni sviluppatesi con l’Italia.
Il primo episodio della serie è stato dedicato all’architetto iraniano Alireza Taghaboni e alla sua “Villa per un fratello maggiore”, illustrata da Domus nel 2017. Il secondo episodio ha fatto luce sul visionario progetto per la Biblioteca nazionale di Teheran realizzato nel 1977 da Gaetano Pesce, anticipatore di tendenze architettoniche emerse nei decenni seguenti.
Tutti gli episodi sono visibili sulle piattaforme social dell’Ambasciata d’Italia a Teheran (YouTube, Instagram, Twitter). (aise) 

Newsletter
Archivi