VOTARE FUORI SEDE È UN DIRITTO: UNGARO (PD) SOSTIENE LA CAMPAGNA "VOTO DOVE VIVO" E PRESENTA UNA PROPOSTA DI LEGGE

VOTARE FUORI SEDE È UN DIRITTO: UNGARO (PD) SOSTIENE LA CAMPAGNA "VOTO DOVE VIVO" E PRESENTA UNA PROPOSTA DI LEGGE

ROMA\ aise\ - "Viviamo in un’epoca in cui sono sempre più frequenti i trasferimenti per motivi di studio e di lavoro, non solo all’estero, ma anche da una città italiana ad un’altra". Parte da queste riflessioni l’intervento di Massimo Ungaro, deputato PD eletto in Europa, che con #VotoDoveVivo ha presentato oggi alla Camera una proposta di legge per permettere anche ai fuorisede in Italia di votare nelle città in cui si vive.
"Decine di migliaia sono oggi gli studenti e i lavoratori fuorisede", osserva Ungaro, "che, soprattutto in questi tempi di incertezza, si trovano a spostare la loro quotidianità e la loro attività professionale e/o di studio lontano da casa, in una città diversa da quella in cui si è nati e cresciuti pur non avendo l'esigenza per i più vari e legittimi motivi di un cambio di residenza".
"I fuorisede sono cittadini italiani come tutti gli altri, hanno gli stessi doveri e diritti e devono poterli esercitare allo stesso modo, senza disparità e senza discriminazioni", sottolinea il parlamentare PD. "Questo però non accade con l’esercizio del più importante dei diritti fondamenti: il diritto di voto. Solo per il fatto che di non avere la residenza nella città in cui si studia, lavora o ci si stabilisce per un determinato periodo, per motivi di cura ad esempio. Perché poi essere costretti a subire costi per spostarsi e tornare a casa per esprimere il voto?", si domanda Ungaro.
"Per questo", spiega, "oggi con #VotoDoveVivo ho presentato alla Camera una proposta di legge per permettere anche ai fuorisede in Italia - avviene già così in Europa - di votare nelle città in cui si vive. Con me i colleghi Marianna Madia (prima firmataria), Giuditta Pini, Andrea Giorgis e Flavia Piccoli Nardelli, un'iniziativa promossa e voluta fortemente dai GD del secondo Municipio di Roma, da numerose Associazioni studentesche e condivisa anche da VOLT". (aise)


Newsletter
Archivi