A LONDRA APPRODA LO “SMAU”: TRE GIORNI DI INNOVAZIONI MADE IN ITALY – DI ALESSANDRO ALLOCCA

A LONDRA APPRODA LO “SMAU”: TRE GIORNI DI INNOVAZIONI MADE IN ITALY – di Alessandro Allocca

LONDRA\ aise\ - “Sarà l’antica distilleria di Londra, l’Old Truman Brewery, a ospitare la prima edizione fuori dai confini italiani dello Smau, la rassegna che da oltre cinquant’anni mette in mostra innovazione e tecnologia del nostro paese nella storica sede della fiera di Milano. In questo 2018 si è deciso di scommettere sull’internazionalizzazione, approdando prima a Londra dal 2 al 4 maggio e poi a Berlino dal 13 al 15 giugno. Due città scelte sia per l’alto tasso tecnologico e per il loro attuale ruolo che rivestono su scala globale, e perché qui vivono e lavorano migliaia di italiani fondatori di centinaia di start up più o meno di successo”. A scriverne è Alessandro Allocca su “londraItalia.com”, quotidiano online diretto a Londra da Francesco Ragni.
“In particolar modo, nella tre-giorni londinese l’obiettivo dell’organizzazione è di far conoscere a una platea internazionale 40 start up italiane selezionate per l’occasione che operano nei settori del fintech, life science, artificial intelligence, agrifood e smart manufacturing.
L’evento, realizzato in collaborazione con “ICE – Italian Trade Agency” punta anche dar vita a nuove relazioni internazionali, partnership e connessioni tra l’ecosistema dell’innovazione londinese e quello italiano.
“L’obiettivo dell’evento – spiega Pierantonio Macola, presidente di Smau – è quello di creare nuove connessioni e partnership commerciali tra imprese, manager e professionisti che operano in UK e nell’ecosistema italiano dell’innovazione, presentando loro una selezione di giovani società e attori che rappresentano un’eccellenza sul territorio italiano. Il modello che seguiremo sarà quello dell’open innovation, favorendo quindi l’incontro e lo scambio con quelle realtà già pronte per il mercato negli ambiti d più rappresentativi dell’innovazione”.
L’ingresso a Smau London 2018 è gratuito e per maggiori informazioni si può visitare il sito internet ufficiale”. (aise) 

Newsletter
Archivi