DA DOMANI LA CONFERENZA DEI CONSOLI ITALIANI NEL MONDO

DA DOMANI LA CONFERENZA DEI CONSOLI ITALIANI NEL MONDO

ROMA\ aise\ - Inizierà domani, 30 ottobre, la Conferenza dei Consoli Italiani nel mondo. In apertura, domani mattina, i Consoli saranno ricevuti al Quirinale dal signor Presidente della Repubblica Sergio Mattarella; è infatti la massima carica dello Stato che conferisce ai consoli le “lettere patenti” in cui sono specificate la qualifica, la classe, la circoscrizione consolare e la sede dell’ufficio in cui i consoli sono chiamati a prestare servizio.
I lavori proseguiranno poi alla Farnesina fino a mercoledì 31 ottobre. Interverranno nel corso della Conferenza il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, il Sottosegretario Ricardo Antonio Merlo e il Segretario Generale della Farnesina, Elisabetta Belloni. Alla Conferenza, che sarà presieduta dal Direttore Generale per gli Italiani all’estero e le politiche migratorie, Luigi Maria Vignali, parteciperanno relatori provenienti dalla società civile, dal mondo della comunicazione e dello sport.
Per i 5,6 milioni di cittadini italiani all’estero, la rete diplomatico consolare costituisce un punto di riferimento; per la rete diplomatico consolare le nostre comunità all’estero sono un patrimonio da valorizzare e servire.
La Conferenza dei Consoli – sottolinea la Farnesina – sarà l’occasione per guardare al futuro delle nostre collettività e per capire come le strutture consolari debbano cambiare per adeguarsi alle nuove esigenze e ai bisogni di una collettività in continua crescita – oltre un milione di Italiani all’estero in più negli ultimi 5 anni – e in continuo movimento.
“Innovare, Comunicare, Motivare” saranno i tre filoni su cui la Conferenza costruirà le fondamenta della rete consolare futura.
Innovare: nei processi e nei prodotti per rendere l’amministrazione sempre più digitale e sempre più vicina al cittadino; Comunicare: con le comunità, con gli utenti dei servizi, con i Paesi stranieri in cui i nostri connazionali vivono; comunicare per fare rete e per valorizzare le tante storie di successo degli italiani fuori dall’Italia; Motivare: affinché con il gioco di squadra e con il supporto degli italiani all’estero si possa far fronte alla carenza di risorse di cui ormai soffrono tutte le pubbliche amministrazioni. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi