IN-GENIO EN EL PERIODISMO: ROMAN LEJTMAN AL TERZO INCONTRO ALL’AMBASCIATA A BUENOS AIRES

IN-GENIO EN EL PERIODISMO: ROMAN LEJTMAN AL TERZO INCONTRO ALL’AMBASCIATA A BUENOS AIRES

BUENOS AIRES\ aise\ - L'Ambasciata d'Italia a Buenos Aires ha ospitato la scorsa settimana Roman Lejtman protagonista del terzo incontro di "In-genio en el periodismo", iniziativa nata per favorire un dibattito tra le eccellenze giornalistiche argentine all'interno del ciclo "In-genio italiano. L'arte italiana di innovare e costruire il futuro" dedicato alla promozione della creatività e del talento made in Italy in occasione delle celebrazioni per i 500 anni della morte di Leonardo da Vinci.
La "charla" di Román Lejtman si è incentrata sul tema "L'influenza delle idee italiane nella politica argentina", un'occasione per ricordare illustri pensatori, politici, letterati italiani che con il loro pensiero e la loro azione hanno esercitato una grande influenza anche in Argentina. Lejtman ha anche sottolineato il ruolo del giornalismo nel divulgare le idee e il pensiero italiano attraverso un'azione di analisi, approfondimento, comunicazione.
Tra i nomi citati Machiavelli e il suo "Principe", Antonio Gramsci, Giovanni Sartori, così come Giovanni Falcone che a 27 anni dalla sua morte segna un esempio nella lotta alle mafie rispetto alla quale l'Ambasciatore Giuseppe Manzo ha voluto ricordare come "la mafia è un fatto umano e come tale va affrontato e superato".
In questa occasione, l'ambasciatore Manzo ha consegnato a Román Lejtman l'onorificenza di Cavaliere dell' "Ordine della Stella d'Italia" quale riconoscimento della dedizione, coerenza, professionalità e vicinanza all'Italia dimostrate nel corso della sua carriera. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi