"¡QUE NO BAJE EL TELÓN!”: IL SOTTOSEGRETARIO MERLO FIRMA L’ACCORDO CON IL MINISTRO CUBANO GRAU

"¡QUE NO BAJE EL TELÓN!”: IL SOTTOSEGRETARIO MERLO FIRMA L’ACCORDO CON IL MINISTRO CUBANO GRAU

ROMA\ aise\ - Lo scorso 15 febbraio, il sottosegretario agli esteri Ricardo Merlo e il Ministro della Cultura di Cuba, Alpidio Alonso Grau, hanno firmato l'accordo per il progetto di cooperazione "¡Que no baje el telón! Conservación, gestión y mejora del patrimonio cultural de la ISA”, nato con l’obiettivo di lavorare in continuità con gli impegni assunti dalla Cooperazione Italiana a Cuba per valorizzare il patrimonio storico-culturale e lo sviluppo culturale della società cubana.
Scopo dell'iniziativa è quello di rafforzare la formazione accademica della Scuola di Arti Teatrali presso l'Istituto Superiore d'Arte a L'Avana (ISA) e di ripristinare il suo sito originale che, progettato dall'architetto italiano Roberto Gottardi, è stato dichiarato nel 2010 “Monumento Nazionale”.
La Scuola Nazionale delle Arti (ENA) è stata creata per volontà di Fidel Castro ed Ernesto Che Guevara nel parco del vecchio Country Club di L'Avana che, da luogo esclusivo appannaggio della sola élite, è diventato uno spazio di educazione artistica, aperto ai giovani di tutte le classi sociali.
Pertanto, sottolinea l’Aics, il progetto contribuirà non solo a preservare e proteggere un patrimonio culturale di innegabile valore storico-architettonico, ma anche a migliorare e incrementare le attività formative della Facoltà, sia a livello nazionale che internazionale, fornendo formazione a tutti coloro che lavorano nel campo della documentazione, conservazione, gestione e valutazione del patrimonio culturale.
"Questo accordo apre un percorso più ampio per promuovere l'industria culturale", ha affermato Merlo dopo la firma dell'accordo, "un’industria che produce valore".
L'iniziativa, promossa dal Ministero della Cultura di Cuba, sarà finanziata dall'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo con un contributo di 2.500.000 euro, di cui una parte sarà assegnata al Dipartimento di Architettura (DIDA) dell'Università di Firenze che garantirà l'azione di accompagnamento per l'attuazione del progetto. (aise) 

Newsletter
Archivi