BILANCIO/ UNGARO (IV): FINE DELLA DISPARITÀ TRA IMPATRIATI QUALIFICATI RITORNATI IN ITALIA

Bilancio/ Ungaro (Iv): fine della disparità tra impatriati qualificati ritornati in Italia

ROMA\ aise\ - “Grande soddisfazione per l'approvazione di un emendamento alla Legge di Bilancio 2021 che stabilisce che i lavoratori altamente qualificati rientrati in Italia prima del 2020 e già iscritti all’AIRE, non vengano più esclusi dalle misure di incentivo al radicamento permanente entrate in vigore il 1°gennaio 2020”. Così Massimo Ungaro, deputato di Italia Viva eletto in Europa, a commento del via libera ottenuto dall’emendamento ieri in Commissione Bilancio alla Camera.
Per non essere esclusi dai benefici, i rientrati, spiega Ungaro, dovranno “versare un contributo del 10% o del 5% del reddito imponibile a seconda del numero di figli”. Con l’emendamento si pone fine “ad una situazione che li penalizza in modo sproporzionato rispetto alle misure più vantaggiose rese accessibili dal 2020, una condizione che potrebbe portare molti di loro a espatriare nuovamente, causando una nuova perdita di capitale umano d'eccellenza, in un momento in cui il Paese ne ha estremo bisogno”.
Con l’emendamento, chiarisce il deputato, “si prevede quindi che anche i soggetti attualmente beneficiari possano optare per accedere al periodo addizionale incentivato, condizionato alla presenza di figli e/o acquisto abitazione, con il duplice risultato di trattenere il capitale umano con caratteristiche di eccellenza e di favorire il radicamento permanente e la natalità”.
Si tratta, ricorda Ungaro, “di una battaglia che conduco da tanti mesi in Parlamento: bisogna creare le condizioni a favore della circolarità della mobilità italiana e dei talenti. Molti italiani, spesso giovani, emigrano per arricchirsi in termini di formazione culturale o professionale, come paese dobbiamo creare le condizioni anche per il loro rientro, a sostegno dello sviluppo economico e sociale del nostro Paese che potranno beneficiare delle loro esperienze. Occorre infatti, sin da subito, sanare l’emorragia di cervelli, cuori e braccia – conclude – anche con misure di questo tipo”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi