PRESIDENTI E DELEGATI DELLE FCLIS RIUNITI IN CONFERENZA

PRESIDENTI E DELEGATI DELLE FCLIS RIUNITI IN CONFERENZA

NEUCHÂTEL\ aise\ - Promuovere un convegno sulla rappresentanza degli italiani all’estero, sostenere l’iniziativa popolare sulla tredicesima per i beneficiari dell’AVS, esprimere solidarietà alla testimone della Shoah italiana Liliana Segre e condividere gli ideali che animano il movimento delle Sardine.
Questi sono gli atti che presidenti e delegati delle Colonie Libere Italiane in Svizzera hanno deciso dopo essersi riuniti in conferenza lo scorso 1° dicembre a Neuchâtel, dove è fuoriuscito all’unanimità di: promuovere entro la fine di marzo 2020 un convegno sulla rappresentanza degli italiani all’estero, al fine di offrire un contributo alla politica per realizzare una riforma organica dei vari livelli di rappresentanza. Si tratta, in particolare, delle leggi sui Comites (Comitati degli Italiani all’estero), sul CGIE (Consiglio Generale degli Italiani all’Estero) e sui parlamentari eletti nelle circoscrizioni estere (la cosiddetta legge Tremaglia). Il convegno si terrà a Zurigo e vuole coinvolgere un pubblico il più ampio possibile. In vista del convegno ha diffuso su vasta scala un questionario per chiedere l’opinione dei cittadini italiani residenti in Svizzera sull’argomento.
Sostenere l’iniziativa popolare che sarà lanciata dall’Unione sindacale svizzera (USS) e che prevede una tredicesima mensilità per i beneficiari dell’AVS. "Una persona che ha lavorato tutta la vita deve poter vivere della propria rendita, come previsto dalla Costituzione federale", afferma l’USS. Le Colonie Libere hanno dichiarato di essere pronte a impegnarsi attivamente a favore dell’iniziativa.
Esprimere solidarietà alla superstite dell’olocausto e attiva testimone della Shoah italiana Liliana Segre, nominata senatrice a vita dal Presidente della Repubblica italiana, per quanto accaduto nelle ultime settimane. La sopravvissuta ad Auschwitz è costretta a muoversi sotto scorta a causa degli innumerevoli messaggi di odio che riceve ogni giorno. Le Colonie Libere Italiane condannano fermamente quest’abuso della libertà d’espressione e ringraziano la senatrice per l'esempio che sta dando in questo momento storico.
Condividere gli ideali che animano il movimento delle Sardine, sempre più spesso presenti nelle piazze italiane e in altre parti del mondo, denunciando la disintegrazione del tessuto sociale. Le Colonie Libere Italiane aderiscono idealmente e culturalmente alle Sardine e invitano tutte le iscritte e tutti gli iscritti a partecipare alle manifestazioni popolari indette dal movimento. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi