Connazionale positiva bloccata in India/ Il presidente Giani (Toscana) la chiama al telefono e poi sente la Farnesina

ROMA\ aise\ - Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani ha parlato ieri al telefono con Simonetta Filippini, la toscana di Campi Bisenzio positiva al Covid ricoverata in un albergo sanitario di New Delhi in India, dove si era recata dal 19 aprile con il marito per l’adozione di una bambina di due anni. Dovevano tornare tutti a casa in Italia il 28, nove giorni dopo, ma poi Simonetta è risultata positiva e non si è potuta imbarcare. Così sono rimasti tutti in India: lei in osservazione, loro, negativi al momento, in attesa in un albergo.
La situazione in India è complicata in questo momento per via dell’alto numero di contagiati.
“Ho voluto parlare direttamente con Simonetta per sincerarmi delle sue condizioni – spiega il presidente Giani – e mi sono poi sentito con il ministro Di Maio. Anche la Farnesina si sta interessando al caso”.
I genitori di Simonetta avevano infatti chiesto un intervento del Ministero degli Esteri per organizzare il rientro con un volo militare: a New Delhi ci sarebbero altri 22 italiani affetti da Covid e impossibilitati a partire e ulteriori settanta in tutto il paese. È stata attivata anche la Croce Rossa internazionale.
La telefonata tra il presidente Giani e la donna è stata lunga. La paura è che, se le condizioni peggiorassero, la donna di 45 anni possa finire in ospedale. “Lo sforzo, condiviso, che proviamo a mettere in campo – ribadisce Giani - è quello di agevolare il rientro di Simonetta in Toscana, per essere curata qui”. (aise)