Il cordoglio dell’ECAP di Basilea per la morte di Bruna Miggiano

ROMA\ aise\ - È venuta a mancare nella giornata di ieri, 19 maggio, Bruna Miggiano, che negli anni settanta è stata tra le fondatrici dell’ECAP di Basilea, l’ente gestore dei corsi di lingua nella città svizzera.
Miggiano è stata poi tra le promotrici della trasformazione in Fondazione, di cui negli anni ottanta sarà poi la prima presidente e infine di nuovo responsabile dell’amministrazione e delle finanze fino al suo pensionamento.
Ma “Bruna è stata molto più di questo”, spiegano dall’Ente: “nei venticinque anni del suo impegno all’ECAP, Bruna è stata una delle anime della nostra organizzazione, un motore instancabile, una grande trascinatrice e motivatrice, dotata di profonda curiosità e apertura verso i cambiamenti. Ha insegnato a molti di noi a coniugare lavoro e militanza, perché non esiste professionalità senza impegno. Proprio per il suo spirito instancabile Bruna dopo la pensione non era rimasta inoccupata e ha continuato ad impegnarsi per la formazione e i diritti dei migranti assumendo negli anni 2000 la presidenza della Fondazione FOPRAS. La stessa organizzazione che anni dopo è stata assorbita da ECAP mediante fusione e le cui attività stiamo proseguendo”.
“Avremmo voluto salutare e festeggiare Bruna nella grande festa prevista nel 2020 per il cinquantesimo anniversario dell’avvio delle attività dell’ECAP in Svizzera - ha concluso l’Ente -. La pandemia ci ha purtroppo impedito di farlo. La sua memoria rimarrà però nelle attività che continueremo a svolgere, nel modo in cui continueremo a farlo. A lei vanno la gratitudine e la riconoscenza di tutti coloro che hanno avuto modo di collaborare con l’ECAP dal 1970 ad oggi”. (aise)