Circumnavigando: a Genova il Festival Internazionale di Circo Teatro

GENOVA\ aise\ - Circumnavigando, il Festival Internazionale di Circo Teatro tra i più seguiti d’Italia, dopo un ciclo di anteprime dal 1° al 18 dicembre, propone tra il 26 e il 30 dicembre il clou internazionale della sua XXII edizione, con artisti che arriveranno a Genova da ogni parte del mondo.
Tra le novità più attese, il ritorno dei Gandini Juggling con il loro nuovissimo “Life” (UK), ispirato alle coreografie di Merce Cunningham (29 dicembre), e la prima nazionale dello spettacolo “La veilleuse. Cabaret Holographique” di Valentine Losseau e Raphaël Navarro (27/30 dicembre), dove gli artisti, trasformati in “fantasmi”, sfruttano l’immaterialità dell’ologramma moltiplicando immagini e suoni per restituire presenza all’invisibile: un esperimento che attraversa il confine l’estremo della digitalizzazione nel mondo del teatro.
Il tema scelto quest’anno è “Architetture Circensi. Il circo che abita tra corpo e citta”: un itinerario che parte dal corpo - nostra prima casa e principale strumento di espressione nell’arte circense - e arriva alla città, casa di oltre metà della popolazione mondiale.
Trentotto sono gli eventi in programma, di cui due in prima nazionale, con spettacoli, work in progress, incontri e proiezioni. Tutto questo per raccontare corpo, circo e città, e farlo proprio a Genova, che è una e molte, lunga e sottile, verticale e sotterranea. Sarà un viaggio funambolico e volante alla scoperta del potenziale espressivo del corpo nell’ambiente urbano: lavorare con il corpo per esplorare lo spazio, interagire con i suoi significanti per pluralizzarne i significati, in un’esplosione di invenzioni acrobatiche e nuove tecnologie.
La kermesse - organizzata dall’Associazione Sarabanda I.S. – toccherà differenti location, tra le più prestigiose della città, dai palcoscenici del Teatro Nazionale Genova e del Teatro della Tosse, alle sale e ai cortili di Palazzo Ducale e del centro storico. Ma non mancheranno blitz e laboratori anche in periferia, con il progetto #Circodiquartiere: Azioni performative nell’Area Archeologica di San Donato, in Via Sestri, nella Casa nel Parco (Ex Caserma Gavoglio) e, per la prima volta, anche nel Comune di Campomorone.
Tra gli altri spettacoli in calendario, “La punta del mio naso”, delle giovani ma ormai affermate acrobate del Kolektivo Konika (26 dicembre); “Mule”, crudele e gioioso ‘passo a due’ del collettivo francese À Sens Unique; il metaforico “Boa” dei Rasoterra (27 dicembre) e il Circo El Grito con “L’uomo Calamita”, una creazione di Giacomo Costantini in collaborazione con Wu Ming 2 (28 dicembre). Si chiude infine con la prima nazionale dei KS (30 dicembre) nel loro iperrealistico “Idylle”.
La manifestazione ha conseguito negli anni la VII Medaglia del Presidente della Repubblica, l'Alto Patronato del Parlamento Europeo e il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, ed è realizzata grazie al sostegno di MIC Ministero Italiano della Cultura, Regione Liguria, Comune di Genova, Fondazione Compagnia di San Paolo, Institut Français, Fondazione Nuovi Mecenati, Coop Liguria, Tasco Italia.
Partner di Associazione Sarabanda IS per l’edizione di quest’anno sono Teatro Nazionale Genova, Fondazione Luzzati Teatro della Tosse, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, TIQU Teatro Internazionale di Quartiere, FNAS Federazione Nazionale Arti in Strada, Patto di Sussidiarietà del Sestiere del Molo, Laboratorio Probabile Bellamy, Teatro Akropolis, Genova Teatro, Liceo Coreutico P. Gobetti, progetto Take Off 2.0, Associazione La Casa nel Parco, Costa Edutainment/Acquario di Genova e il Media Partner Goodmorning Genova – Network di Comunità. (aise)