Editoria trade stabile nei primi undici mesi del 2023: i dati dell’Aie

ROMA\ aise\ - È in sostanziale tenuta nei primi undici mesi del 2023 l’editoria italiana trade, ovvero vendite di saggistica e narrativa nelle librerie fisiche, online e supermercati. Il valore delle vendite calcolato a prezzo di copertina è pari a 1.283 milioni, in crescita dello 0,3% rispetto l’anno precedente. Le copie vendute sono 85,7 milioni, in calo dell’1,3% sull’anno precedente.
Durante la tradizionale presentazione del mercato trade che apre, il 6 dicembre, il programma professionale di Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE) alla Nuvola di Roma, all’EUR, dal 6 al 10 dicembre, verranno illustrati nel dettaglio gli andamenti differenziati tra grandi gruppi e piccoli e medi editori, i generi, i canali di vendita, le previsioni per fine anno.
L’incontro, in collaborazione con Nielsen BookScan, “Il mercato del libro nel 2023: previsioni e confronti tra grandi e piccoli editori”, si tiene alle ore 12.00 in Sala Aldus. Dopo il saluto e l’introduzione del presidente di AIE Innocenzo Cipolletta, intervengono Lorenzo Armando, (presidente Gruppo Piccoli editori di AIE), Isabella Ferretti (66thand2nd), Enrico Selva Coddè (amministratore delegato di Mondadori Libri), Giovanni Peresson (ufficio studi AIE). Modera Sabina Minardi (L’Espresso). L’incontro sarà trasmesso in streaming sui canali Facebook e YouTube di Più libri più liberi.
L’appuntamento apre un fitto calendario dedicato allo studio dell’offerta e dei modelli di business dei piccoli e medi editori. Venerdì 8 dicembre, sempre in Sala Aldus, alle ore 15.00, si tiene l’incontro "Novità vs catalogo: quanto è lunga la coda dei libri", in cui si cercherà di capire se i dati sulle vendite dei titoli che compongo il catalogo possono aiutarci a tracciare un modello del ciclo di vita del libro. Intervengono Roberto Cicala (Interlinea Edizioni), Roberto Da Re Giustiniani (Kellermann Editore), Livia Del Pino (ALI Promozione), Bruno Giancarli (ufficio studi AIE).
Sempre venerdì 8 dicembre alle ore 18.00 in Sala Aldus si tiene l’incontro “È vero che in Italia pubblichiamo troppi libri?”, in cui si analizza la situazione italiana rispetto a quella europea e ci si confronta su come la filiera del libro sta affrontando il fenomeno del costante aumento delle novità pubblicate. Intervengono Lorenzo Armando (presidente Gruppo Piccoli editori di AIE) e Giovanni Peresson (ufficio studi AIE).
Sabato 9 dicembre alle ore 12.30 in Sala Aldus, “Dai risultati economici alla costruzione di indicatori specifici per la piccola editoria” è un incontro che prosegue una riflessione già avviata nell’anno precedente e che ha l’obiettivo di ragionare su cosa vuol dire essere piccoli editori oggi e costruire così alcuni indicatori sulle performance economico-finanziarie di specifici cluster della piccola editoria. Intervengono Bruno Giancarli (ufficio studi AIE), Gregorio Pellegrino (Effatà) e Gerardo Mastrullo (La Vita Felice), modera Giovanni Peresson (ufficio studi AIE). (aise)