GIORNATA ITALIANI NEL MONDO/ LA MARCA (PD): SPERIAMO DI GIUNGERE AD UN RISULTATO POSITIVO

GIORNATA ITALIANI NEL MONDO/ LA MARCA (PD): SPERIAMO DI GIUNGERE AD UN RISULTATO POSITIVO

ROMA\ aise\ - “Con soddisfazione mista ad emozione sono intervenuta nella commissione esteri della Camera sulla mia proposta di legge che intende istituire la Giornata nazionale degli italiani nel mondo. Ad essa sono state associate analoghe proposte presentate dall’On. Siragusa e, proprio oggi, dalla Lega”. Così Francesca La Marca, deputata Pd eletta in Centro e Nord America, che ricorda come “questa proposta fu da me presentata circa tre anni e mezzo fa con il sostegno di 327 deputati e fu approvata all’unanimità in commissione in sede legislativa, per essere poi trasferita al Senato, dove non poté diventare legge definitiva solo per la scadenza della legislatura. Questa volta, per quanto si possa dire, tempo ce n’è e mi auguro che questo giusto provvedimento possa compiere interamente il suo percorso”.
“Le ragioni che ancora una volta ho richiamato”, riporta La Marca, in sostanza sono che “l’Italia deve prima di tutto dare un riconoscimento convinto e unanime ai suoi emigrati di ogni epoca per il contributo che essi hanno dato, con il loro sacrificio, al miglioramento della vita di milioni di persone e per l’aiuto che, con le rimesse e i ritorni, hanno fornito al Paese nei momenti più difficili della sua storia”.
Allo stesso tempo, aggiunge la parlamentare Pd, “la Giornata nazionale consente ad un’ampia platea di guardare all’italianità nel mondo, che in questi ultimi anni sta ricevendo nuova linfa dai flussi in uscita, come ad un referente diffuso e penetrante per sfruttare al meglio una condizione di vantaggio competitivo per l’internazionalizzazione del nostro Sistema Paese, di cui abbiamo un bisogno vitale, oggi più di ieri. Ma un obiettivo non meno importante è quello di offrire alle nuove generazioni, impegnate nella conoscenza della contemporaneità, e alle istituzioni scolastiche una base di riflessione sulle esperienze di integrazione realizzate da milioni di nostri connazionali, facendo in modo che le migrazioni nei nostri tempi non diventino un motivo di lacerazione e di scontro ma di comune crescita culturale e civile”.
“Si proseguirà ora nell’esame delle proposte con l’impegno, che è sembrato unanime, di giungere ad un risultato positivo”, conclude La Marca. “È bene arrivarci tutti insieme, con comune senso di responsabilità, ma vorrei dire tuttavia che sono onorata di avere potuto favorire con la mia iniziativa questo incontro di giusti propositi”. (aise) 

Newsletter
Archivi