REMOTE IMPROVISATION: L’IIC DI HELSINKI OSPITA ONLINE PERFORMANCE DI DANZA E MUSICA IN IMPROVVISAZIONE

REMOTE IMPROVISATION: L’IIC DI HELSINKI OSPITA ONLINE PERFORMANCE DI DANZA E MUSICA IN IMPROVVISAZIONE

HELSINKI\ aise\ - “Remote Improvisation” è una serie di performance in cui la musica e la danza si incontrano virtualmente. Tramite una collaborazione remota, i movimenti del danzatore nell’ambito domestico conversano in improvvisazione con la musica di artisti internazionali provenienti da Paesi particolarmente colpiti dall’epidemia Covid-19. A rilanciare il progetto è l’Istituto Italiano di Cultura ad Helsinki che ospiterà le performance sulla sua pagina facebook a partire dal prossimo 5 agosto alle 19.00.
Il progetto vuole far uscire gli artisti dall’ambito domestico in cui sono stati rinchiusi negli ultimi mesi; la collaborazione in remoto è un’opportunità per viaggiare oltre i confini, sostenere colleghi da varie parti del mondo e celebrare tutte le forme di arte, eseguite dal vivo o in streaming.
La prima performance della serie vede come artista ospite Libero Mureddu, un musicista italiano eclettico e poliedrico. L’intera serie di performance è supportata da Taiteen edistämiskeskus – Taike, che ha concesso a Beniamino Borghi, direttore artistico del collettivo di danza TanssiARTesaani, un contributo economico per gli artisti colpiti dall’epidemia Covid-19. Lo stesso Borghi è il danzatore delle performance.
La performance viene trasmessa in diretta sulle pagine Facebook di TanssiARTesaani e dell’Istituto Italiano di Cultura. In un secondo momento, una versione editata del video della performance sarà fruibile sui canali YouTube di TanssiARTesaani e dell’Istituto.
Libero Mureddu è un pianista, improvvisatore, compositore ed esperto di tecnologie musicali residente a Helsinki dal 2003. Nato a Milano nel 1975, ha studiato composizione al Conservatorio "G. Verdi" di Milano e tecnologie musicali presso il "Centre for Music and Technology" della Sibelius Academy di Helsinki.
Al momento sta al lavorando al dottorato presso la "MuTri Doctoral School" della Sibelius Academy, University of the Arts Helsinki. Musicista caratterizato dalla versatilità della sua attività, durante gli ultimi vent'anni è stato attivo sulla scena musicale europea nei campi della musica contemporanea e sperimentale. Recentemente ha fondato i gruppi "Hexad" e "Septad", due ensemble con base a Helsinki che uniscono improvvisatori provenienti da varie esperienze nel campo della musica contemporanea e jazz. Altri progetti sono "Chamber Music from Mars" con la violoncellista Aino Juutilainen e "Tiny and Anxious" con la flautista Livia Schweizer. Dal 2017 frequenta regolarmente Berlino, dove è attivo nella scena locale della musica improvvisata.
La sua corrente pratica artistica risiede nell'intersezione tra linguaggi improvvisati, composizione, algoritmi e intelligenza artificiale, con l'intento di creare contesti performativi che siano innovativi, imprevisti e provocatori.
A partire dal 2009 Libero Mureddu è intendente del NYKY Ensemble, l'ensemble di musica contemporanea della Sibelius Academy. Durante gli anni, il gruppo ha acquisito notorietà fino a diventare un importante attore nella scena della musica contemporanea finlandese.
Attivo come insegnante, ha insegnato improvvisazione contemporanea e interdisciplinare presso la Sibelius Academy e la Theatre Academy di Helsinki. Inoltre, è il rappresentante per la Sibelius Academy all'interno del progetto METRIC (Modernizing European Higher Music Education through Improvisation), un forum realizzato in collaborazione con vari conservatori ed accademie europee con lo scopo di sviluppare curricula e cooperazioni internazionali nel campo dell’improvvisazione.
Beniamino Borghi, nato a Milano nel 1978, è danzatore, coreografo e media artist. Balla da quando aveva otto anni e padroneggia numerose tecniche di danza, come per esempio tip-tap, balletto, danza jazz moderna e danza contemporanea. Si è laureato come interior designer mentre frequentava numerosi laboratori per danzatori professionisti guidati da coreografi importanti: David Hernandez, Ted Stoffer, Koshro Adibi, Inaki Azpillaga, David Zambrano, Tero Saarinen e DV8 Physical Theatre. Ha lavorato come insegnante di danza e coreografo sia per gruppi di amatori (Loviisa Open Dance Company) che per i professionisti (Boomtown Dance e Kaakon Tanssi ry a Kotka). Al momento Beniamino Borghi è il direttore artistico della compagnia di danza TanssiARTesaani.
Beniamino Borghi è un vero creativo. Nelle sue opere può usare la danza e il teatro, una grande orchestra di musica classica oppure un artista solista minimalista, una sala da concerti oppure la scala di un museo. Ha realizzato alcuni progetti molto ambiziosi come per esempio “Suomikuvia”, la sua dichiarazione d’amore per il suo Paese d’adozione, che è una performance per cinque danzatori professionisti con coreografie accuratamente pensate ed un’intera orchestra di musica classica. (aise) 

Newsletter
Archivi