STORIA D’ARTE: GIORGIO DE CHIRICO DÀ IL VIA AL NUOVO CICLO DI CONFERENZE DELL’IIC DI BRATISLAVA

Storia d’arte: Giorgio De Chirico dà il via al nuovo ciclo di conferenze dell’IIC di Bratislava

BRATISLAVA\ aise\ - L’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava farà partire il 25 gennaio “Storia d’Arte”, un nuovo ciclo di conferenze online dedicate a dei grandi artisti moderni e contemporanei italiani, curato dall’artista Gian Luca Bianco. Il primo evento, focalizzato su Giorgio De Chirico, mette a confronto il punto di vista di un artista di oggi con la storia di uno moderno del secolo scorso.
“Ciò che serve in particolare è una grande sensibilità: considerare ogni cosa nel mondo come un enigma… Vivere come in un immenso museo di cose strane“. Così si espresse Giorgio De Chirico, che realizzò dipinti di piazze popolate da figure spettrali e ombre, unendo insieme prospettive volutamente distorte e piani inclinati. Questi claustrofobici paesaggi onirici, con la loro atmosfera di malinconia e di inquietante minaccia, affascinarono l'avanguardia francese degli anni 10 del XX secolo mentre in seguito ispirarono i Surrealisti ed altri movimenti.
Oltre al settore dell’arte, l’influenza di De Chirico può essere vista in tanti aspetti del mondo moderno, nelle pellicole del regista Michelangelo Antonioni, negli scatti di tanti fotografi, nella moda ed addirittura nel videogioco Ico per la Playstation 2. Mentre il romanziere Sir V.S. Naipaul ha preso in prestito il titolo di uno dei suoi dipinti, The Enigma of Arrival (L’enigma dell’arrivo), per uno dei suoi libri.
Dopo De Chirico, gli eventi di febbraio saranno dedicati a Lucio Fontana e a Maurizio Cattelan.
Gian Luca Bianco (Milano, 1967) è regista, artista e autore. Ha all'attivo regie di film e documentari, produzioni teatrali e la scrittura di alcuni libri. Realizza e cura mostre d’arte in Italia e all'estero e recentemente, dal 2016, si è concentrato sull'idea del frammento dal quale è sorta un ciclo di opere denominate Imbilico, una profonda riflessione attorno al tema della distruzione e della perdita. Tale progetto è stato presentato a Milano, Monza, Gubbio, Macerata, Perugia, Innsbruck, Barcellona, New York, Dusseldorf ecc. È inoltre consulente artistico. Ha vissuto vari anni a New York immergendosi nella dimensione urbana di questa metropoli. (aise)


Newsletter
Archivi