Girotto e Abbracciante di ritorno dal Sud America dopo la tournée prodotta da Violipiano

PESCARA\ aise\ - Il sassofonista Javier Girotto e il fisarmonicista Vince Abbracciante rientrano in Italia dopo aver concluso con successo a metà novembre una tournée sudamericana di tre settimane organizzata dalla Violipiano Music in collaborazione con importanti festival e rassegne sudamericane e il prezioso sostegno di varie istituzioni italiane all’estero.
Nei due ultimi concerti, Girotto si è esibito nella sua città natale argentina al Cordoba Jazz Festival, suonando con l’Orquesta Provincial de Música Ciudadana al Teatro del Libertador San Martín e, nell’evento finale del tour, con Abbracciante al Teatro Real.
“La loro musica ha una proprietà che istiga, commuove, dà energia, sia che si tratti di un tango in stile piazzolliano, di una ninna nanna o di una composizione di Luis Bacalov”, ha commentato Mariano Barsotti, responsabile della comunicazione del Cordoba Jazz Festival. “A poco a poco hanno ripercorso i temi del loro album Santuario, ma non lo hanno fatto in modo meccanico: hanno dato tutto in ogni brano, in ogni assolo”.
Girotto ha costruito la sua brillante carriera unendo l’amore per il jazz alle sue radici argentine del tango. Ha poi affinato la tecnica jazzistica negli USA e in Italia, dove risiede a Roma dagli anni ’90 e ha ottenuto la cittadinanza grazie alle sue origini pugliesi. Nonostante la più giovane età, Abbracciante, anch’egli pugliese, è un affermato virtuoso dello strumento e ha trovato un’ottima intesa con Girotto. Il duo è nato sette anni fa; Santuario, del 2021, è il loro primo disco.
La loro sensibilità e la brillantezza delle composizioni è stata molto apprezzata anche nelle altre date in Argentina a Mendoza, Salta and San Carlos de Bariloche, una località turistica montana dove ha sede il Camping Musical Bariloche e dove il duo ha suonato in una sala con vista su un lago e su alcune cime delle Ande.
“Ci hanno deliziato col loro talento in una fusione musicale in cui il jazz si unisce al tango, alla musica latino americana e ai suoni europei della fisarmonica”, hanno detto gli organizzatori di Bariloche. “Grazie a Violipiano per aver reso possibile l’evento dall’Italia”.
Il tour è iniziato a Santiago de Chile e Viña del Mar. “È stato bellissimo, con un pubblico fantastico e molto caldo. Una grande sorpresa”, ha detto Girotto a proposito delle serate cilene durante un intervista con la radio della Universidad Nacional de Cuyo in Argentina. Puerto Montt è stata la terza data cilena di un itinerario che includeva uno stop a Lima in Perù.
Violipiano ha realizzato l’evento con il sostegno degli Istituti Italiani di Cultura di Santiago, Cordoba, Lima e Buenos Aires, e in collaborazione con il Festival de Jazz Chileuropa Santiago, il Viña Jazz Festival Internacional, Espacio Contemporáneo de Arte e Vivo Cultura, il Festival Internacional de Jazz de Puerto Montt, il Teatro Pirandello, Pro Cultura Salta, il Camping Musical Bariloche e il Cordoba Jazz Festival. (aise)