COPPIE BINAZIONALI: IL PD INTERROGA DI MAIO

COPPIE BINAZIONALI: IL PD INTERROGA DI MAIO

ROMA\ aise\ - Il Governo dovrebbe “intraprendere iniziative” per aggiungere le coppie binazionali “alle esenzioni fin qui già predisposte come per lavoratori e studenti” su spostamenti e rimpatri ai tempi del covid. Questo, in sintesi, il contenuto dell’interrogazione a prima firma Lia Quartapelle (Pd) indirizzata al Ministro degli Esteri Di Maio.
Sottoscritta dalle deputate elette all’estero Schirò e La Marca, nella interrogazione si ricorda che “con la chiusura delle frontiere extra Schengen a febbraio 2020, a causa del Covid-19, migliaia di coppie binazionali non sposate di qualsivoglia genere, e spesso con bambini o con gravidanze in corso, non hanno più avuto alcuna possibilità di ricongiungersi, e sono rimaste senza alcuna certezza su quando sarà possibile farlo”.
“Alcuni Governi di Paesi dell'Unione europea hanno permesso delle deroghe per queste famiglie “ufficializzate””, si legge nella premessa, in cui si citano le disposizioni assunte dal Governo danese che “il 27 giugno 2020 ha inserito la categoria delle famiglie binazionali in quelle esenti dal “ban”; i Governi di Svezia e Austria si sono ugualmente mobilitati, ampliando la definizione di partner a cui viene garantita l'esenzione dal “travel ban”; il Governo norvegese in data 10 luglio 2020 ha inserito la stessa categoria in quelle esenti dal “ban” di ingresso, e a partire dal 15 luglio 2020 partner binazionali non sposati potranno entrare in Norvegia da Paesi terzi secondo alcune condizioni”.
Quartapelle, quindi, ricorda che “Ylva Johansonn, a capo della Commissione europea affari interni, ha dichiarato in data 2 luglio 2020 di voler indirizzare personalmente la problematica ed ha esortato gli Stati membri ad includere le famiglie binazionali nelle esenzioni il prima possibile; inoltre, sono state create varie petizioni con migliaia di firme sull'argomento, in ogni parte del mondo, anche da parte delle principali testate giornalistiche”.
La deputata, quindi, chiede a Di Maio “quali notizie in merito al ricongiungimento di queste persone intenda fornire” e “se intenda intraprendere iniziative al fine di aggiungere questa categoria alle esenzioni fin qui già predisposte come per lavoratori e studenti”. (aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli