L'Unicef visita l'Ucraina: 1.781 bambini uccisi o feriti dal febbraio 2022

GINEVRA\ aise\ - Il vicedirettore generale dell'UNICEF per l'azione umanitaria e le operazioni di approvvigionamento, Ted Chaiban, ha concluso una visita di una settimana in Ucraina, sottolineando l'urgente necessità di una risposta umanitaria costante nelle aree colpite dal conflitto e che i bambini siano in prima linea negli sforzi di recupero e ricostruzione.
"I bambini in Ucraina hanno sopportato 21 mesi di violenze, sfollamenti, sofferenze e perdite dall'escalation della guerra nel febbraio 2022. Questa guerra sta strappando a milioni di bambini la loro infanzia, privandoli del diritto all'istruzione, alla salute, allo sviluppo, alla protezione e alla sicurezza", ha dichiarato Chaiban.
Le gravi violazioni dei diritti dei bambini in Ucraina continuano, con 1.781 segnalati come uccisi o feriti dal febbraio 2022. Nel frattempo, i continui combattimenti e il rischio diffuso di mine e ordigni esplosivi espongono la sicurezza dei bambini ad un rischio elevato. Scuole e ospedali continuano a essere danneggiati dagli attacchi, interrompendo l'accesso a un apprendimento sicuro e a servizi vitali, tra cui le infrastrutture sanitarie e idriche.
"I bambini e le infrastrutture civili su cui fanno affidamento non devono essere un obiettivo. Devono essere protetti in ogni momento. Il diritto internazionale umanitario, i principi umanitari e le leggi sui diritti umani devono essere rispettati", ha dichiarato Chaiban.
Lo stress della guerra sta avendo un profondo impatto sulla salute mentale e sul benessere dei bambini in Ucraina. Attualmente, si stima che 1,5 milioni di bambini siano a rischio di depressione, ansia, disturbi da stress post-traumatico e altre problematiche legate alla salute mentale.
Oltre alla violenza che mette a repentaglio la vita, i bambini ucraini stanno affrontando un quarto anno di interruzione dell'istruzione. Secondo il Ministero dell'Istruzione, più di 4.100 scuole sono state danneggiate o distrutte. La chiusura di scuole e asili a causa degli attacchi e la mancanza di rifugi antiaerei sicuri impedisce ai bambini di accedere all'apprendimento in presenza a tempo pieno. Anche se i bambini possono continuare a imparare online, perdono la socializzazione con i coetanei e gli insegnanti, fondamentale per il loro sviluppo. Durante la visita, il vicedirettore generale dell'UNICEF si è espresso a favore dell'apprendimento in modalità mista, laddove le condizioni di sicurezza lo consentano.
Chaiban ha visitato le aree in prima linea nelle regioni di Kharkiv e Zaporizhzhia, dove l'UNICEF porta avanti la sua risposta umanitaria. Mentre l'inverno si fa più intenso, l'UNICEF sta fornendo aiuti salvavita come vestiti invernali caldi, coperte, acqua sicura e supporto psicosociale a bambini e famiglie. L'UNICEF sta anche fornendo generatori e sostenendo la riparazione dei sistemi di distribuzione locali, in modo che i sistemi di approvvigionamento idrico, gli ospedali e altri servizi essenziali possano continuare a funzionare. I trasferimenti umanitari in denaro stanno aiutando le famiglie vulnerabili, come quelle che crescono bambini con disabilità, a tirare avanti mentre continuano ad affrontare difficoltà economiche a causa della guerra.
"I bambini e le famiglie ucraine devono affrontare un altro inverno difficile. Nel 2022, gli attacchi alle infrastrutture essenziali hanno gravemente interrotto l'elettricità, l'acqua e il riscaldamento in tutto il Paese. Nel mio ultimo giorno di permanenza, a Kiev si sono verificati gravi attacchi. Con la minaccia di nuovi e più intensi attacchi, i bambini rischiano ancora una volta di congelare a temperature ben al di sotto dello zero e di perdere l'accesso all'acqua potabile e a servizi essenziali come l'assistenza sanitaria", avverte Chaiban.
Chaiban ha incontrato alti funzionari del governo ucraino e partner chiave per discutere le priorità per i bambini sia nella risposta umanitaria che nelle azioni di ripresa, ha partecipato all'evento della Giornata Mondiale dell'Infanzia e al lancio della strategia "Better Care". Ha ribadito il sostegno dell'UNICEF ai bambini ucraini, sia all'interno del Paese che nei Paesi che ospitano i rifugiati. Chaiban ha anche chiesto una ricostruzione e una ripresa incentrate sui bambini, che si concentrino sui loro bisogni.
La visita del vicedirettore generale in Ucraina giunge in un momento di rinnovata attenzione all'impatto dei conflitti sui bambini. Secondo le stime dell'UNICEF, 400 milioni di bambini nel mondo vivono in zone di conflitto o sono in fuga dalle stesse, affrontando rischi multipli e gravi. Mentre le ostilità continuano senza sosta, i 7,5 milioni di bambini ucraini affrontano un futuro incerto.
"I bambini non sono responsabili di questa guerra, eppure ne stanno pagando il prezzo più alto. I bambini ucraini hanno bisogno di pace, ora. Senza la pace, il loro futuro – e il futuro dell'Ucraina – rimarrà incerto. I bambini hanno bisogno di porre fine alla guerra, in modo da poter riconquistare la loro infanzia e iniziare a guarire e a riprendersi", ha dichiarato Chaiban. (aise)