II CONFERENZA ITALO-TEDESCA SULL’INNOVAZIONE

II CONFERENZA ITALO-TEDESCA SULL’INNOVAZIONE

BERLINO\ aise\ - "Investire nell'innovazione italiana: politiche intelligenti per un'Europa digitale" è il tema della seconda Conferenza Italo-Tedesca sull’Innovazione, che si terrà il 20 e 21 novembre a Berlino.
L’evento è organizzato dall’Ambasciata d’Italia in Germania, che ospiterà la prima giornata dei lavori, e da Ice Agenzia e Itkam, la Camera di Commercio Italiana per la Germania.
Quali sono le sfide che i processi di trasformazione digitale impongono a imprese e pubbliche amministrazioni? Quali cambiamenti di paradigma attendono i servizi di pubblica utilità, in termini di ingresso di nuovi attori, decentralizzazione delle reti e modelli di open innovation? Come evolverà la dicotomia fra spazio pubblico e spazio privato nell’iper-connessa era digitale? Quali opportunità di investimento si aprono nei settori tecnologici in Italia?
Se ne discuterà assieme a duecento protagonisti dell’innovazione Made in Italy e Made in Germany, in occasione della conferenza, il cui evento inaugurale avrà luogo in Ambasciata, martedì 20 novembre, a partire dalle ore 15.00; mercoledì 21 novembre i lavori proseguiranno a partire dalle ore 10.30 presso la Fiera di Berlino in occasione della Smart Country Convention promossa da BITKOM in cinque sessioni dedicate alla presentazione delle opportunità di investimento in Italia nei settori tecnologici, allo smart digital content, all’healthcare, alla smart mobility, e alla Education 4.0.
Il digitale sta cambiando la forma e la natura dei servizi pubblici: le tecnologie intelligenti stanno cambiando la natura e l'economia delle infrastrutture, riducendo il costo della raccolta di informazioni sui modelli di utilizzo. Secondo un rapporto di McKinsey & Co., catturare tutto il potenziale della digitalizzazione governativa, utilizzando la tecnologia attuale, potrebbe liberare fino a 1 trilione di dollari l'anno in valore economico in tutto il mondo, migliorando i costi e le prestazioni operative. Servizi condivisi, maggiore integrazione e miglioramenti della produttività consentono efficienze su tutto il sistema, che, in un momento di crescenti pressioni di bilancio, i governi tanto nazionali quanto locali non possono permettersi di perdere.
L'Italia e la Germania sono attivamente impegnate nel dibattito sulla politica digitale a diversi livelli. Il piano d'azione per l'eGovernment dell'Unione europea per il periodo 2016-2020 fissa un obiettivo ambizioso per tutti gli Stati membri: entro il 2020 le amministrazioni pubbliche dell'Unione europea dovranno fornire agli utenti servizi personalizzati e senza frontiere, nonché servizi pubblici digitali amichevoli e end-to-end per tutti i cittadini e le imprese. In Italia il Piano triennale per le ICT nella pubblica amministrazione 2017-2019 è stato modellato dal principio "digital by definition", che specifica che la PA fornisce i servizi digitali come opzione preferita.
La trasformazione digitale sta inoltre cambiando i confini e le dinamiche del settore. Il "Digital Tax Index 2017" dell'Università di Mannheim ha qualificato l'Italia come il Paese europeo più attraente dal punto di vista fiscale dopo l'Irlanda. Inoltre, la legislazione italiana è riconosciuta come una delle più avanzate a livello internazionale per strategie innovative di supporto alle imprese.
La conferenza di Berlino mira dunque a: presentare il quadro politico italiano e la politica digitale italiana per attirare gli investitori stranieri, sia a livello nazionale sia a livello regionale; presentare l'Unità per gli investimenti esteri dell'Agenzia italiana per il commercio - ITA come "sportello unico" per gli investitori stranieri, aiutandoli a stabilire ed espandere le loro attività, supportandole durante l'intero ciclo di vita degli investimenti e offrendo servizi di tutoraggio di alto livello; discutere delle opportunità di investimento e delle partnership tecnologiche in quattro aree chiave: contenuti digitali intelligenti, assistenza sanitaria, mobilità intelligente e connettività, educazione.
Il programma della conferenza. Una tavola rotonda di alto livello focalizzata sul quadro politico italiano a sostegno dell'innovazione e della digitalizzazione, con i rappresentanti chiave dei governi nazionali e regionali, così come da parte delle imprese italiane e tedesche, che si terrà nel pomeriggio di martedì 20 novembre in Ambasciata a Berlino. La presentazione dall'Unità di investimenti esteri ITA sul quadro politico italiano e sulle vetrine selezionate per le opportunità di investimento, la mattina di mercoledì 21 novembre al CityCube - Messe Berlin. Per finire con quattro sessioni di incontri e scambi tra aziende italiane e tedesche impegnate nei settori più interessati dai processi di trasformazione digitale, dalle 11.30 alle 17.00 di mercoledì 21 sempre al CityCube - Messe Berlin. (aise)


Newsletter
Archivi